Sora, il Federal Building per rilanciare la città. Pintori propone il progetto del polo amministrativo

Il consigliere comunale porta ad esempio la città di Chieti che ha coinvolto ben 22 uffici nel piano complessivo di razionalizzazione e accorpamento di uffici pubblici

Fabrizio Pintori

Sora, una città in decandenza, abbandonata a se stessa, lasciata allo sbando. Una città dove la classe politica, del presente ma anche del passato, non sembra dimostrare la volontà di riprendere in mano le redini della situazione. È questa la fotografia scattata dal consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Fabrizio Pintori, che in una nota prende spunto dalla notizia dell'esodo della sede INPS per descrivere un quadro più ampio della città volsca. Un disegno non felice, ma che lascia spazio al desiderio di rilancio proponendo il progetto del "Federal Building"

La fuga

"In questi giorni - scrive Pintori - sta facendo scalpore la notizia della perdita della sede INPS che dovrebbe essere trasferita nel prossimo futuro ad Isola del Liri. Allo stesso modo preoccupa il futuro del Commissariato di Polizia. Il M5S Sora presentò in proposito un’interrogazione nel 2017, ma l’argomento venne già affrontato nel 2016. Nel tempo Sora ha perso tanti uffici di istituzioni pubbliche e private. La sveglia, o meglio, l’allarme suona quando oramai è tardi per poter intervenire. Inutile puntare l’indice sull’attuale Amministrazione o su quella precedente, è tutta la classe politica sorana degli ultimi decenni che deve essere messa sotto accusa.

Una pesante eredità

La linea politica tenuta dalle varie amministrazioni sorane è stata caratterizzata da un costante fattore comune: il vivere alla giornata, senza mai preoccuparsi del futuro della città. I lasciti di tale modo di intendere la politica comunale sono ben testimoniati dalla Ex Tomassi (eredità della Giunta Di Stefano), dalla diga sul Liri (lascito della Giunta E. Tersigni), ma soprattutto dalla totale carenza di pianificazione e programmazione. Le buche nelle strade che percorriamo oggi, l’illuminazione pubblica fatiscente, i giochi pericolanti per i bambini nei parchi trascurati, i marciapiedi ridotti ad un percorso ad ostacoli, i ponti che crollano per mancata manutenzione, le strade che si allagano, trovano la loro genesi nella palese incapacità di chi ha amministrato la città.

Passare all'azione

Compito della politica è lavorare pensando alla Sora del futuro, a come dovrà essere tra 20 o 30 anni, per rispondere alle esigenze di tutte le fasce e categorie della popolazione, dai giovani agli anziani, dalle famiglie alle imprese. Sora è stata vittima di una classe politica miope e inadeguata che senza cercare alcuna alternativa, in particolare, in tema di edilizia scolastica ha preferito lo strumento della locazione di immobili privati sostenendo ingenti canoni per oltre un trentennio. Oggi ci si lamenta per la dipartita della sede dell’INPS, ma occorre fin da subito gettare le basi per riportarla in città.

Il Federal Building

A nostro avviso è necessario risolvere i problemi delle sedi delle varie istituzioni programmando la realizzazione di un polo amministrativo con cui ridurre spazi e costi in un’ottica di maggiore efficientamento. Un punto di partenza potrebbe essere la realizzazione di un “Federal Building”. È sufficiente prendere spunto da altre città, ad esempio Chieti che ha coinvolto ben 22 uffici nel piano complessivo di razionalizzazione e accorpamento di uffici pubblici, con i conseguenti benefici per gli utenti. Un tale progetto va ovviamente programmato e richiede tempo, ma intanto è doveroso iniziare a discuterne. Al riguardo il M5S presenterà nei prossimi giorni una proposta di mozione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rimboccarsi le maniche

Sora può scegliere tra piangersi addosso oppure alzare la testa e ripartire. Il “Federal Building” può essere un progetto in grado rilanciare la città e la sua immagine a livello provinciale facendola assurgere ad esempio da imitare. Sora deve anticipare i tempi e non subire gli eventi. Rimbocchiamoci le maniche e lavoriamo per far risplendere Sora e lasciare una città modello alle prossime generazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento