Sora, la diga sul Liri un’opera inutile?

La denuncia arriva dagli esponenti grillini che da anni seguono la vicenda

Esattamente tre anni fa iniziava la costruzione della traversa mobile (diga) che avrebbe dovuto rendere il Liri navigabile e fruibile dal punto di vista turistico, nonostante l’area di realizzazione dell’opera sia ricompresa dal Piano Stralcio d’Assetto Idrogeologico (P.S.A.I.) nella fascia C del rischio idraulico. Il tutto, con una spesa prevista di  100.000 euro dalle casse comunali e circa 400.000 euro di finanziamento concesso nell’ambito del POR-FESR e destinato alla valorizzazione delle aree naturali protette.Il mese successivo Genova fu colpita da un’alluvione ed il Ministro dell’Ambiente Galletti pronunciò in Parlamento la frase: “…..mai più costruire nell’alveo dei fiumi…..” .

Le perplessità iniziali

L’opera destò fin da subito molte perplessità in città e soprattutto sia tra gli attivisti del M5S Sora che tra varie associazioni ambientaliste locali, in particolare l’Ass. Verde Liri. “Oltre ad essere stata costruita in una zona a rischio idraulico – spiega il Portavoce del M5S di Sora Fabrizio Pintori - e densamente popolata, si è sempre sottolineato che la diga potrebbe essere pericolosa in caso di piena del fiume e, inoltre, che avrebbe potuto causare seri danni all’ecosistema fluviale.

Gli esposti alla Corte de Conti

Le numerose azioni poste in essere: esposti alla Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica, interrogazioni parlamentari e regionali, lettere al Ministro dell’Ambiente ed all’Assessore Regionale all’Ambiente; non si è riusciti a fermare la costruzione dell’opera e bloccare lo spreco di soldi. Durante la scorsa campagna elettorale, molte voci si sono unite al coro di chi era contrario alla diga, voci preoccupate ed allarmate anche per l’aumento dei rischi per l’incolumità dei cittadini. Oggi molto è cambiato: in primis la campagna elettorale è finita, la traversa mobile è stata completata ma, subito dopo, è stata sequestrata e assoggettata ad un ordine di demolizione impugnato dal Comune nel processo innanzi al Tribunale delle Acque, al termine del quale si dovrebbe avere l’ufficialità sulla pericolosità o meno della diga. Nel frattempo la Regione ha deciso di revocare il finanziamento”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un’opera inutile

“Alla fine dei conti – prosegue l’esponente grillino - un’opera superflua e non richiesta dalla popolazione corre il rischio di gravare sulle tasche dei sorani. A tal proposito, si deve ricordare che, con la costruzione della traversa, l’incombenza della pulizia dell’alveo fluviale a monte della diga – con i relativi costi – è  passata al Comune, che non avendo i fondi necessari è stato costretto a rivolgersi alla Regione. Al momento, il risultato e che l’alveo è abbandonato all’incuria ed al degrado, regalando alla città una pozza d’acqua stagnante, piena di rifiuti, ratti e zanzare e con il letto del fiume ulteriormente ridotto per il proliferare di una fitta vegetazione. I tristi fatti degli ultime settimane che hanno riguardato Livorno, devastata dalla furia delle acque di fiumi “tombati” e violentati per piegarli alle assurde esigenze dell’uomo, dovrebbero servire da severo monito per coloro che vogliono costruire o difendere opere inutili e superflue nel letto dei fiumi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento