Subiaco, festa del lavoro solo nel nome scrive 5 stelle

Il Meetup Sublacense e Valle dell'Aniene Amici di Beppe Grillo, manifesta disagio su questo giorno che dovrebbe essere l'epicentro della festività, in cui si ricordano tutte le vittorie nel mondo del lavoro e il suo progresso e che ne nobilita'...

Subiaco-3

Il Meetup Sublacense e Valle dell'Aniene Amici di Beppe Grillo, manifesta disagio su questo giorno che dovrebbe essere l'epicentro della festività, in cui si ricordano tutte le vittorie nel mondo del lavoro e il suo progresso e che ne nobilita' l'uomo. Primo Maggio, festa del lavoro.

Una festa che si celebra in tutto il mondo, ma in Europa, quest'anno, per noi e' ricordata come la festa del non lavoro, almeno per un esercito di 26,5 milioni di disoccupati del Vecchio continente (19,2 milioni nell'Euro zona). In Italia con 3 milioni di disoccupati e cioè l' 11,5% e pensate che nell'Euro zona sta al 12,1 % . Da noi supera ben oltre il livello di guardia ! Non vogliamo neanche dimenticare gli 8 milioni di persone a rischio povertà' e 4 milioni in povertà assoluta.

Al di là dei numeri che sono importanti, c'è' da precisare che ora mai la disoccupazione e povertà non e' più' un solo problema giovanile, ma anche dei meno giovani e cioè dai quarantenni/cinquantenni in su. Pertanto è diventata una questione di Giustizia Popolare !

"Non sarà possibile nessuna reale ripresa economica senza che sia riconosciuto a tutti il diritto al lavoro e promosse le condizioni che lo rendano effettivo, articolo 4 della Costituzione Italiana”.

Partendo da questo principio e calandolo al territorio Sublacense e della Valle dell'Aniene e da riscontro palese, che la prerogativa dell'articolo 4 della Costituzione Italiana, e' largamente disattesa dalle Istituzioni locali. Non si attuano politiche che generano culturalmente la mentalità della creazione del lavoro, con capacità di iniziativa dell'essere umano che li può' vedere protagonisti. Le imprese che ora mai sono rarissima presenza, non sono nelle condizioni di trovare forme organizzative, contrattuali per valorizzare il lavoro. In fatti le condizioni economiche del territorio sono disastrose, basti pensare che nel Sublacense la disoccupazione giovanile tocca il 69% sulla media Nazionale e quella di carattere generale e' del 41% . Dati impressionanti, di cui invitiamo con un grido accorato tutte le Istituzioni Pubbliche, iniziando dal Comune, ad una Assemblea Pubblica, affinché il grido del Popolo arrivi alle Istituzioni dello Stato Italiano, per un suo intervento straordinario, in aiuto ad un territorio ora mai dimenticato, che sta vedendo lentamente e sopratutto negli ultimi anni la sua morte, dove solo due alternative hanno la sua mano specifica, emigrare per cercarsi un lavoro, oppure morire poco la volta di povertà assoluta. Si assiste inoltre alla mancanza non assicurata, di cure sanitarie come previsto dalla Costituzione Italiana, perché' l'unico ospedale presente e cioè l'Angelucci, ridotto ai minimi termini per ragioni politiche ed economiche.

Bisogna dare una sterzata immediata per cambiare questa tendenza e ridare fiducia e speranza a tutto il territorio. Le forze politiche tradizionali su questo tema devono farsi un bel esame di coscienza !

Comunque sia, siamo vicini a quei lavoratori che sono in piena attività, rivolgendo a loro, che gli saremo sempre accanto a difesa del loro posto di lavoro, pronti a dare battaglia e affidando a loro la bandiera del riscatto del lavoro, per coloro che non lo hanno, ricordando come simbolo la Portella delle Ginestra.

GIA' DA DOMANI, daremo inizio ad incalzanti e legittime proposte con voi tutti Cittadini, perché VOI DOVETE ESSERE LA VOSTRA E NOSTRA VOCE !

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il nostro Augurio, le tre regole di lavoro: 1. Esci dalla confusione, trova semplicità. 2. Dalla discordia, trova armonia. 3. Nel pieno delle difficoltà risiede l’occasione favorevole (Aforisma di Albert Einstein). Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista (Frase di San Francesco D’Assisi) .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento