rotate-mobile
Il senatore FdI e la deputata M5S

Ucraina, Zelensky al Parlamento: dal selfie dell’interventista Ruspandini all’assenza della pacifista Segneri

Fa discutere l’autoscatto del senatore FdI di Ceccano al momento del discorso del presidente ucraino, mentre la deputata M5S di Frosinone ha disertato la seduta dopo il voto contro il decreto per invio armi, maggiore spesa militare e fondi per i profughi

"Tutti desiderano la pace e tutti vogliono difendere il proprio popolo. Sono già 117 i bambini morti, ogni giorno quel numero aumenta. Le nostre città vengono distrutte, alcune completamente. Ogni giorno cadono bombe e suonano sirene". Lo ha detto, come riporta Today.it, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo intervento al Parlamento italiano.

Fratelli d’Italia ha votato compattamente a favore del Decreto Ucraina assieme alla maggioranza. A distinguersi tra le file del Movimento 5 Stelle, invece, è stata la frusinate Enrica Segneri. Contrariamente al suo partito ha votato “no” all’invio di armi, all’aumento della spesa militare e all’incremento di fondi per l’accoglienza dei profughi.

“Nella seduta comune del Parlamento Italiano per ascoltare il presidente dell’Ucraina Zelensky insieme a Giovanni Donzelli”, ha postato nel mentre il senatore ciociaro Massimo Ruspandini, originario di Ceccano e leader provinciale di FdI Frosinone, assieme a un selfie con Zelensky alle spalle che sta facendo discutere.

“Sono estremamente felice che Zelensky non abbia citato la no fly zone nel suo discorso – ha commentato, di contro, la dissidente deputata pentastellata Segneri - Ma soprattutto, sono estremamente felice che Zelensky abbia avuto un colloquio con il Papa prima di entrare in Aula alla Camera. La strada per la pace è l'unica percorribile."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucraina, Zelensky al Parlamento: dal selfie dell’interventista Ruspandini all’assenza della pacifista Segneri

FrosinoneToday è in caricamento