menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Valmontone, l’amministrazione Latini sempre più inconsistente snobba il Rainbow MagicLand per l’ennesima figuraccia istituzionale

La mancata presenza delle massime autorità cittadine alla presentazione della nuova stagione del Rainbow MagicLand denota ancora una volta (semmai ce ne fosse bisogno) l’incapacità politica,

La mancata presenza delle massime autorità cittadine alla presentazione della nuova stagione del Rainbow MagicLand denota ancora una volta (semmai ce ne fosse bisogno) l'incapacità politica,

diplomatica e rappresentativa di un amministrazione che mostra sempre più evidenti falle: nemmeno il più pessimista oppositore poteva immaginarsi tale inconsistenza, menefreghismo e superficialità,un misto ben condito di aria fritta di cui Latini è degno rappresentante.

Solo per semplice educazione, l'invito da parte del polo economico più importante del territorio doveva essere onorato: se non dal Sindaco almeno dal suo Vice. Peraltro la scusa dell'invito arrivato in ritardo non regge proprio: un evento di tale visibilità che annualmente si ripete non può essere ignorato da chi dovrebbe rappresentare la propria città. E se il Sindaco non fosse stato almeno informalmente messo al corrente dell'evento, prova per l'ennesima volta di quanta considerazione goda questa Amministrazione.Senza pensare al fatto che, se da una parte il Valmontone outlet ed il parco adiacente hanno rappresentato per l'economia locale una scure che ha acuito la già galoppante crisi economica, dall'altra rimangono gli unici motivi di attrazione per cui tanta gente si sposta verso il nostro territorio; e rimane l'unico motivo per cui oggi Valmontone è conosciuta in tutta Italia. Questo significa che solo attraverso una reciproca e fattiva collaborazione tra il Valmontone outlet, il Rainbow MagicLand ed il Comune, la nostra città tornerà ad essere viva e frizzante, traendo beneficio proprio da chi stava segnando il proprio declino.

Purtroppo certi discorsi non possono essere recepiti da un branco di dilettanti allo sbaraglio. Addirittura il parco in parola ha tolto il nome Valmontone dai propri slogan pubblicitari: sarà solo il Parco Divertimenti di Roma. Ennesima figura barbina di un Amministrazione che lascerà la città in condizioni pietose. E questo lo possono vedere tutti, non sono parole o slogan elettorali, basta guardarsi intorno.

P.S. ho appena letto le scuse ridicole che il nostro Sindaco ha comunicato attraverso la sua pagina istituzionale: della serie al peggio non c'è mai fine. Giustificare le proprie mancanze accusando gli altri è sintomo di pochezza assoluta e comunque, anche se fosse vero, eventuali problematiche legate all'invito sarebbero e debbono essere discusse nelle sedi opportune e non spiattellate su di un sito personale. A prescindere da ciò, è impensabile che un Sindaco, un Vice Sindaco, il Presidente del Consiglio Comunale, gli assessori e tutti i consiglieri di maggioranza ossia 11 persone erano riuniti in "seduta plenaria" per preparare gli argomenti da discutere nell'imminente Consiglio Comunale e nessuno poteva distogliere la sua attenzione per fare almeno un saluto in un evento che riguardava fortemente il nostro Comune. Anche perché a sole 24 ore di distanza il nostro Sindaco era baldanzosamente a fianco del suo ospite Zingaretti (a proposito complimenti per la raffinata eleganza con cui l'ha ricevuto, oserei fregiarlo da ora in poi dell'appellativo di arbiterelegantiarum).

Quindi per cortesia queste prese in giro il Sindaco ce le risparmi, non vorrei avere oltre al danno la beffa.

Massimiliano Bellotti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento