Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica

Processo Welcome to Italy, il Comune di Cassino si costituirà parte civile

È stato annunciato nell'ultimo Consiglio comunale dal capogruppo Pd Ranaldi per conto della maggioranza. Gli oppositori Petrarcone e Fontana avevano preannunciato una mozione. Sambucci (M5S): "Finalmente raccogliamo i frutti della nostra caparbietà"

Il Comune di Cassino si costituirà parte civile nel processo Welcome to Italy. È stato annunciato nel corso del Consiglio comunale svoltosi ieri, venerdì 27 novembre, e per conto della maggioranza dal capogruppo del Partito democratico Gino Ranaldi. Proprio dopo il rinvio a giudizio di tutti gli indagati per truffa, tranne l'ex vicesindaco di San Giorgio a Liri Massimo Terrezza per via dell'assoluzione derivante dal rito abbreviato. 

I consiglieri di opposizione Giuseppe Golini Petrarcone e Salvatore Fontana avevano preannunciato una mozione ad hoc, ma l'amministrazione guidata dal sindaco Enzo Salera ha deciso di giocare di giocare di anticipo. Così, dopo la decisione, il referente del gruppo M5S di Cassino Ori Sambucci: "Abbiamo, in più occasioni, invitato il Comune a costituirsi parte civile nel processo Welcome to Italy e possiamo, senza ombra di dubbio considerare, la nostra attività politica seria e costante, il più grande stimolo per chi alla fine non ha potuto fare altro che seguire il nostro esempio".

"In particolare in questo caso parliamo della costituzione di parte civile da parte di un nostro concittadino assistito dal candidato a sindaco Giuseppe Martini, prima ed unica azione rivolta alla salvaguardia dell'immagine della nostra città, almeno fino ad oggi - conclude Sambucci - Possiamo essere fieri di aver dato questo esempio e grazie a questo risultato continueremo a seguire le nostre attività con maggiore entusiasmo, nella consapevolezza di essere un punto di riferimento per i cittadini e per chi ci tiene ai loro diritti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Welcome to Italy, il Comune di Cassino si costituirà parte civile

FrosinoneToday è in caricamento