Sanità

Telemedicina, Piero Angela e Superquark elogiano la trasformazione digitale della Asl di Frosinone

Il progetto curato dal coordinatore Sergio Pillon, già finalista del “Premio innovazione digitale in sanità” del Politecnico di Milano, è stato illustrato e lodato durante l’ultima puntata del programma condotto dal decano della divulgazione scientifica

La telemedicina della Asl di Frosinone, tra gli 11 finalisti del “Premio innovazione digitale in sanità” 2021 del Politecnico di Milano, è stata elogiata anche da Superquark, lo storico programma Rai di divulgazione scientifica condotto dal mostro sacro Piero Angela.

Il progetto curato da Sergio Pillon, coordinatore della trasformazione digitale dell’Azienda sanitaria ciociara, è stato presentato e illustrato come best practice a livello nazionale.

Rispetto ai servizi digitali, che vanno per ora dalla telecardiologia al telemonitoraggio domiciliare fino ad arrivare in tempi di Covid al supporto alla campagna vaccinale, Pillon ha accentuato nell’occasione che “stiamo cercando di aggiungere il prefisso ‘tele’ a ogni settore, dalla telecardiologia alla telepsicologia”.

Sergio Pillon-2

La trasformazione digitale della Asl di Frosinone

“Abbiamo allestito quindici postazioni di telecardiologia. La televisita non va bene sempre, se si deve conoscere un paziente nuovo ad esempio. Ma in molti altri casi sì - ha fatto poi presente Pillon - Nel 90% dei casi e controlli, se ci pensiamo bene, non c’è bisogno di far muovere il paziente”.

“Per ora è un progetto pilota, in aggiunta a quanto fatto dai medici nel periodo del Covid - ha aggiunto - I medici, fino ad oggi, hanno utilizzato le App che avevano già negli smartphone. Oggi ne abbiamo centoventi dedicati a questo scopo, attraverso i quali viene monitorato il paziente. Questi smartphone trasmettono a un sistema regionale di monitoraggio”.

“I campi di applicazione sono moltissimi - ha concluso - Ad esempio il supporto psicologico alle donne in stato di gravidanza, ma stiamo pensando anche a un servizio di teleriabilitazione”

Il viaggio di Superquark nella telemedicina ciociara

Il viaggio di Superquark nell’universo della Asl di Frosinone, guidata dalla direttrice generale Pierpaola D’Alessandro, parte dal presidio sanitario di Isola del Liri. Lì c’è una paziente ricoverata dopo un intervento e seguita da medico di medicina generale e infermieri.

Questi ultimi provvedono all’effettuazione dell’elettrocardiogramma, inviato in tempo reale alla sua cardiologa in collegamento dall’ospedale di Sora. Sempre dal nosocomio sorano, poi, la stessa cardiologa si collega con un anziano affetto da scompenso cardiaco e bisognoso di un monitoraggio continuo.    

Si racconta poi la storia della signora Lucia, che soffre di diabete ed è costretta ogni giorno a controllare i valori della glicemia. In altri tempi, in caso di anomalie, avrebbe dovuto telefonare e fissare un appuntamento. Ora, invece, i suoi dati arrivano direttamente alla Casa della Salute di Pontecorvo e nel caso viene contattata dal diabetologo.   

A seguire c’è il caso di una donna risultata positiva al Coronavirus, alla quale è stato fornito uno smartphone già programmato per poter registrare facilmente i valori delle sue pulsazioni e della saturazione dell’ossigeno nel sangue. Il suo medico li tiene costantemente sotto controllo e può discuterne con lei.

Infine, si arriva nello studio dell’unico medico di base di Guarcino, che mostra il teleconsulto a cui può ricorrere coinvolgendo anche specialisti come cardiologi e diabetologi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Telemedicina, Piero Angela e Superquark elogiano la trasformazione digitale della Asl di Frosinone

FrosinoneToday è in caricamento