Coronavirus Serrone

Coronavirus, nuovo caso in paese dopo due mesi. Sindaco doppiamente colpito: “È mia figlia”

Il primo cittadino Giancarlo Proietto, raggiunto telefonicamente, fa sapere che la figlioletta di 8 anni sta bene, lui e sua moglie hanno ricevuto la seconda dose di vaccino e sono tutti in quarantena a casa. A seguire l'appello: "Vaccinatevi"

A Serrone, cittadina di 3 mila anime della provincia di Frosinone, si è registrato un nuovo caso di Coronavirus. Un contagio che arriva dopo due mesi di stop e colpisce doppiamente Giancarlo Proietto, come sindaco e come padre, "perché a risultare positiva - rende noto lui stesso sulla pagina social del Comune - è mia figlia Greta". 

"Purtroppo continua questa inesorabile guerra contro il Covid-19 - si rammarica il primo cittadino - Un appello a tutta la popolazione a vaccinarsi e a mantenere alto il livello di attenzione rispettando tutte le regole in vigore. Questo è l'unico sistema che abbiamo per affrontare e sconfiggere questo terribile nemico invisibile". 

Proietto: "Siamo in quarantena, mia figlia sta bene, vaccinatevi"

Raggiunto telefonicamente dalla redazione di FrosinoneToday.it, il sindaco Proietto fa sapere che stanno tutti bene e, ovviamente sono in quarantena a casa: "Con mia moglie e l'altra figlia siamo andati a farci il tampone. Io e mia moglie lunedì scorso ci siamo anche fatti la seconda dose di vaccino Pfizer. Mia figlia Greta di 8 anni ha solo un po' di febbre ma sta bene".

"Con l’occasione ripeto l’ennesima volta l'appello a tutti di farsi il vaccino, perché la diffusione del virus ancora c'è e lo possono prendere tutti compresi i bimbi che poi possono portarlo nelle case - aggiunge in conclusione - Ringrazio tutti coloro che mi stanno contattando per la vicinanza dimostratami".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, nuovo caso in paese dopo due mesi. Sindaco doppiamente colpito: “È mia figlia”

FrosinoneToday è in caricamento