Calcio - Le prime parole di Alessandro Nesta: "Frosinone squadra top"

Il nuovo tecnico giallazzurro sulla sua idea di gioco: "Il mio modulo preferito è il 4-3-1-2 e credo di riproporlo anche qui"

Alessandro Nesta

Si è tenuta presso la sala stampa dello stadio Benito Stirpe la presentazione del nuovo tecnico giallazzurro, Alessandro Nesta. Le sue dichiarazioni:

“Il Frosinone viene da una retrocessione in Serie A. Io credo che il primo obiettivo è creare tanto entusiasmo. Anche se è scesa di categoria rimane una top squadra. È inevitabile che il Frosinone non può pensare di fare un campionato anonimo. A Frosinone gli obiettivi sono sempre importanti, quindi so di avere tanta responsabilità”.

Sul passato da calciatore – “Tutti gli allenatori mi hanno lasciato qualcosa, ma non è possibile copiare. Devi avere una tua idea di calcio, scopiazzare qualcosa non funziona. Però, sì, posso avere tanta ispirazione. Ancelotti credo sia il top al mondo per coesione del gruppo e modo di fare. Il suo segreto è stato avere dalla sua parte la squadra e spero di aver appreso questa sua qualità”.

Calciomercato - “Sono due giorni che parliamo di mercato. Preferisco giocare a quattro dietro, ma vediamo. L’anno scorso volevamo prendere un trequartista ma non  ci siamo riusciti e ho dovuto cambiare modulo. Il 4-3-1-2 è un modulo che comunque vedo mio e potrei riproporre qui a Frosinone. Verre? L’anno scorso mi ha salvato la vita (ride ndr). Non so cosa vuole fare. È della Sampdoria, vediamo. Ci sono i direttori che faranno la squadra. Noi vogliamo fare una squadra importante per fare un grande campionato. Tutti vogliono i giocatori forti. Gli allenatori allenano, ma chi gioca in una squadra è il calciatore. Normale che tutti vogliano i migliori. Credo che sia ancora presto per questo tipo di discorsi. Chiaro che io, facendo il 4-3-1-2, ho bisogno di un trequartista”.

Le idee di gioco e il suo staff - “Bisogna avere una mentalità giusta per allenarsi a certi ritmi. A me non interessa cosa facciano fuori dal campo, ma in settimana si devono allenare in un certo modo ed è quello che pretenderò dai miei calciatori. Ho fatto due esperienze come allenatore e quello che più mi ha fatto felice è aver lasciato sempre un buon ricordo. Ho scelto Frosinone perché è la squadra che mi ha voluto di più. È una grande società ed è il top per me. Il mio staff atletico sarà lo stesso di Perugia”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto di lusso importate dall'estero, truffati politici e calciatori di caratura nazionale. 9 arresti in Ciociaria

  • Tre quintali di carne, pesce e salumi sequestrati al mercato. Ambulanti ciociari si scagliano contro i vigili urbani

  • Ecco il primo Burger King a Frosinone, apertura entro fine novembre

  • Omicidio Morganti, concessi i domiciliari a Paolo Palmisani. Tornerà a casa con il bracciale elettronico

  • Sora, poliziotti presi a pugni e feriti durante un posto di blocco

  • Dopo 36 anni, niente rinnovo del passaporto per una multa da 50 mila lire

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento