rotate-mobile
Calcio

Frosinone, che beffa: la Juve vince 3-2 all'ultimo respiro. Le pagelle

Giallazzurri puniti all'ultimo pallone del match, decisivo il gol di Rugani. Ancora tanti i rimpianti per Mazzitelli e compagni

Il Frosinone perde 3-2 dopo aver fatto una eccellente partita, subendo gol all'ultimo secondo da Rugani su situazione di palla inattiva. La sblocca Vlahovic, ma il Leone è bravo a rimontarla con i gol di Cheddira e Brescianini, raggiunti poi di nuovo da Vlahovic sul finire del primo tempo. Nel finale Rugani gela i tifosi giallazzurri andati a Torino.

Cronaca - La partita si mette subito in salita per il Frosinone: McKennie riceve da Gatti e serve Vlahovic in area di rigore, il serbo calcia in porta e sblocca il match.

Il Leone però non si arrende, anzi la pareggia dopo soli dieci minuti: Zortea sfonda sulla fascia destra e serve Cheddira al centro dell'area, che con una girata di testa trova il gol che vale l'1-1.

Ancora Frosinone: battuta una rimessa laterale in zona difensiva che si trasforma rapidamente in azione pericolosa. Harroui avanza con la palla fino alla trequarti e serve Brescianini che scaglia un tiro imparabile per Szczesny. Risultato di vantaggio per il Frosinone.

Nel finale Vlahovic ristabilisce di nuovo la parità: palla ricevuta da McKennie che serve il serbo e di nuovo arriva al gol. Doppietta per lui e secondo assist di giornata per il texano.

Nel secondo tempo il Frosinone si abbassa troppo, riuscendo a trovare solamente un'occasione: Soulé recupera palla alta e serve Kaio che non riesce a superare McKennie già steso a terra. Chance clamorosamente sprecata.

La Juventus continua ad insistere e all'ultimo secondo dei minuti di recupero trova il gol del vantaggio: da calcio d'angolo la palla arriva a Rugani sul secondo palo che calcia di prima e regala i tre punti ai bianconeri.

Tebellino Juventus-Frosinone 3-2

JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Gatti (41’ st Milik), Bremer, Rugani; Cambiaso, McKennie, Locatelli, Rabiot (28’ pt Alcaraz), Kostic (17’ st Weah); Chiesa (17’ Yildiz), Vlahovic.

A disposizione: Pinsoglio, Daffara, Alex Sandro, Iling Junior, Miretti, Djalò, Nicolussi Caviglia, Nonge.

Allenatore: Allegri.

FROSINONE (3-5-2): Cerofolini; Lirola (49’ st Monterisi), Romagnoli, Okoli; Zortea, Harroui (28’ st Barrenechea), Mazzitelli (42’ st Gelli), Brescianini, Valeri; Soule (42’ st Seck), Cheddira (28’ st Kaio Jorge).

A disposizione: Frattali, Turati, Baez, Reinier, Vural, Garritano, Kvernadze, Ibrahimovic, Ghedjemis.

Allenatore: Di Francesco.

Arbitro: signor il signor Antonio Rapuano di Rimini; assistenti Gamal Mokhtar di Lecco e Paolo Laudato di Taranto; Quarto Uomo Luca Zufferli di Udine; Var Paolo Mazzoleni di Bergamo, Avar Marco Di Bello di Brindisi.

Marcatore: 2’ e 31’ pt Vlahovic (J), 14’ pt Cheddira (F), 27’ pt Brescianini (F), 50’ st Rugani (J)

Pagelle: Altro regalo del Frosinone agli avversari e Di Francesco questa volta ci mette del suo

Cerofolini 6: attento e sicuro per tutta la partita. Nel finale è sfortunato a subire quel gol di Rugani.

Lirola 6: buona partita da braccetto di destra (Monterisi SV).

Okoli 6.5: le prende quasi tutte lui quando i traversoni arrivano dalle sue parti.

Romagnoli 5.5: sul primo gol ha qualche responsabilità perdendo la marcatura di Vlahovic.

Zortea 6.5: grande partita per l'ex Atalanta, autore del secondo assist alla sua seconda con il Frosinone.

Brescianini 7: il migliore nel Frosinone. Bello il gol e ne sfiora un altro con una grande azione personale.

Mazzitelli 6: sbaglia qualche appoggio di troppo ma gara comunque sufficiente (Gelli SV).

Harroui 6.5: suo l'assist per il gol di Brescianini. Nel complesso buona partita (Barrenechea 5.5: si vede poco)

Valeri 6: buona gara, condizione sempre in crescita.

Soulé 6: qualche lampo dei suoi, ma è poco incisivo negli ultimi metri (Demba Seck SV).

Cheddira 6.5: si sblocca con un bel gol di testa e battaglia molto bene con Bremer per tutta la partita (Kaio Jorge 5.5: non riesce a sfruttare qualche occasione in campo aperto).

Di Francesco 5: bravo nello scegliere un undici titolare più coperto. Sbaglia tutti i cambi: toglie Cheddira che fino a quel momento aveva retto da solo l'attacco giallazzurro e insensato quello nel finale di Monterisi in occasione di calcio d'angolo. L'intenzione era quella di mettere più centimetri in mezzo all'area, ma una regola non scritta del calcio è quella che non si cambia mai in occasione di calci piazzati avversari. E guarda caso il gol arriva proprio da una mancata copertura di Monterisi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frosinone, che beffa: la Juve vince 3-2 all'ultimo respiro. Le pagelle

FrosinoneToday è in caricamento