rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Calcio

Leone, dimostra a tutti chi è il re di questa Serie B: l'undici anti Palermo

Il Frosinone torna al Barbera dopo 5 anni dalla finale playoff che valse la Serie A. Grosso dovrà rinunciare a capitan Lucioni

Il Frosinone torna a Palermo dopo cinque anni da quella partita di andata della finale play-off terminata con il successo per 2-1 dei rosanero. Una gara che i tifosi canarini ricordano molto bene, specialmente per alcune dichiarazioni di Nestorovski, allora capitano e attaccante dei siciliani. “Siamo 20 volte più forti di questa squadra”, aveva affermato il macedone al termine della partita del Barbera. Una dichiarazione che, di fatto, ha dato il là alla rimonta giallazzurra nella partita di ritorno.

 Il Frosinone torna a Palermo dopo cinque anni di distanza con, ironia della sorte, 20 punti di vantaggio nei confronti dei rosanero. Un vantaggio sicuramente importante, ma che non può e deve far dormire sonni tranquilli ai canarini.

Sarà una partita difficile, dove la distanza in classifica conterà poco. Soprattutto per l’ambiente Palermo– come hanno affermato alcuni calciatori rosanero in settimana – sarà infatti la partita della vita, quasi un derby. Il Frosinone dovrà fare una gara intelligente, senza farsi trasportare da pubblico e calciatori avversari, che sicuramente non faranno passare 95 minuti facili ai canarini. I canarini, mai come questa volta, dovranno giocare con la testa più che con le gambe. Non sarà facile continuare la striscia di vittorie perché il Palermo è una compagine forte, con grandi ambizioni. Certo, classifica alla mano, non 20 volte più forte del Frosinone, ma forte. La speranza comunque – a prescindere dal risultato – è che sia una partita tranquilla e che a parlare sia solo il campo.

La probabile formazione del Frosinone

Per l’occasione, mister Grosso dovrebbe schierare i suoi con il 4-3-3. Il tecnico dovrà rinunciare a Lulic che, causa rottura del crociato, purtroppo ne avrà per parecchio tempo. Il centrocampista si è operato ieri e i tempi di recupero previsti sono di 5-6 mesi. Il Frosinone scenderà in campo così: Turati in porta. La difesa a quattro vedrà Sampirisi e Cotali sulle corsie laterali, con la coppia Ravanelli e Kalaj nel mezzo.

Anche se quest’ultimo potrebbe essere insidiato da Szyminski, ex della partita e unico superstite della doppia finale play-off tra le due squadre. Il polacco però -cinque anni fa – giocava per i rosanero. Squalificato capitan Lucioni. A centrocampo scelte quasi obbligate: Boloca è recuperato ma ancora non al top per giocare dal primo minuto, stesso discorso per Kone. Il terzetto allora sarà formato da Rohden, Mazzitelli e Garritano. In attacco sicuri del posto Insigne e Caso sugli esterni. Come punta di riferimento dubbio Moro-Mulattieri, con il primo in leggero vantaggio sul secondo.

Qui Palermo

I rosanero arrivano alla sfida contro la capolista dopo aver perso con il Genoa per 2-0. Prima del match contro i liguri, però, i siciliano erano riusciti ad ottenere 9 risultati utili consecutivi. Corini si affiderà molto probabilmente al 3-5-2.

Tra i pali l’ex canarino Pigliacelli. Il pacchetto arretrato sarà guidato da Nedelcearu, che sarà affiancato dal nuovo acquisto Graves, e da Marconi. Sulle corsie esterne agiranno Valente e Sala, mentre in cabina di regia spazio a Gomes con Verre, arrivato nel mercato invernale dalla Sampdoria, e uno tra Saric e Broh sulle mezzali. In avanti fiducia alla coppia composta da Di Mariano e Brunori.

Probabile fomrazione Palermo (3-5-2): Pigliacelli; Nedelcearu, Graves, Marconi; Valente, Gomes, Verre, Saric, Sala; Di Mariano, Brunori.

Probabile formazione Frosinone (4-3-3): Turati; Sampirisi, Ravanelli, Kalaj, Cotali; Rohden, Mazzitelli, Garritano; Insigne, Moro, Caso. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Leone, dimostra a tutti chi è il re di questa Serie B: l'undici anti Palermo

FrosinoneToday è in caricamento