Dinamo Labico calcio (II cat.): Sposi, prodezza inutile. «Ma gli obiettivi non sono cambiati»

Dopo il k.o. al debutto col Marino la squadra ha ceduto con un rocambolesco 3-2 allo Sporting San Cesareo nel match di domenica scorsa

La Dinamo Labico deve ancora spezzare una sorta di “incantesimo” che sembra condizionare le gare casalinghe sul campo da poco intitolato a Franco Caponera. La squadra di mister Alfio Nuzzi e del ds Natale Giovannetti, dopo il k.o. al debutto col Marino (0-1), ha ceduto con un rocambolesco 3-2 allo Sporting San Cesareo nel match di domenica scorsa.

Il commento di Sposi

«Una gara che non abbiamo giocato male, anzi la qualità della prestazione è stata buona – dice il portiere classe 1990 Andrea Sposi – Dobbiamo rivedere qualcosa a livello difensivo, ma sono convinto che miglioreremo». L’estremo difensore ex Gavignano racconta il match con lo Sporting. «Abbiamo iniziato bene, creando anche alcune occasioni, ma gli avversari hanno segnato alla prima opportunità e tutto è andato in saluta. Nella ripresa abbiamo immediatamente subito il raddoppio, poi ho parato un calcio di rigore, ma sul corner seguente è arrivato pure il 3-0 e poco dopo siamo rimasti in dieci per l’espulsione di Milana». A quel punto il rischio di crollare era concreto, invece la Dinamo Labico ha rialzato la cresta. «La squadra non si è arresa e abbiamo trovato due reti con Testa, di cui una su rigore. Nel finale abbiamo pure avuto qualche opportunità per pareggiare, ma non ci siamo riusciti» osserva Sposi che prova a guardare oltre. «Domenica torneremo a giocare fuori casa contro l’Oir di cui conosco solo la situazione di classifica (tre punti come la Dinamo Labico, ndr). Sono convinto che scenderà in campo una Dinamo arrabbiato e vogliosa di riscatto, come accaduto a Quarticciolo alla seconda giornata. I risultati casalinghi? Non credo sia una tendenza, penso più alla casualità e al fatto che abbiamo comunque incontrato due squadre molto forti. Ma spero che presto invertiremo la tendenza». Sposi non è preoccupato dell’inizio “lento” della Dinamo Labico. «Ovviamente speravamo qualcosa di più, ma gli obiettivi non cambiano: il campionato è ancora lungo e abbiamo tutte le possibilità per rialzarci».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento