Frosinone - Marco Capuano: «Non sono venuto qui per essere una barzelletta»

Il difensore in conferenza: «Mi rode leggere certe cose, dobbiamo trasformare la rabbia in risultati positivi»

Marco Capuano

Per parlare del match contro la Juventus e del momento del Frosinone, è intervenuto in conferenza il difensore, Marco Capuano. 

Perché così tanti gol subiti? Quando si gioca gli errori sono di tutti, non esiste il singolo. L'errore di un singolo può essere recuperato da squadra. Siamo arrivati in tanti nuovi e ci stiamo adattando piano piano. Finora abbiamo fatto dei buoni sprazzi di prestazione ma non siamo stati continui. Dobbiamo migliorare il livello di attenzione e restare sempre in partita perché mantenendo le partite aperte fino alla fine possiamo giocarcela. Sampdoria? Il mister fa le scelte, io sono a disposizione. Contro la Lazio purtroppo in occasione del gol non potevo rinviare meglio il pallone. Ho parlato con il mister sono tranquillo, è giusto che lui faccia le sue scelte. Non abbiamo nulla da perdere e forse è meglio così dal momento che partiamo sfavoriti con chiunque. Giochiamo di sera contro la Juve davanti al nostro pubblico di conseguenza gli stimoli vengono da soli. L'importante è affrontare la partita con una grande concentrazione. A Crotone abbiamo fatto tanti punti nel girone di ritorno pareggiando anche con grandi squadre ma purtroppo nel girone di andata erano stati conquistati solamente 15 punti. A Crotone riuscivamo a rimanere sempre in partita senza mai prendere imbarcate. Ora siamo all'inizio e bisogna da subito affrontare le gare con il giusto atteggiamento e con serenità perché non abbiamo nulla da perdere. Sette anni fa giocai contro il Frosinone? Era il mio esordio in serie B, non avevo nemmeno 20 anni. In tutti questi anni non ci sono stati contatti per arrivare qui, questa estate invece la trattativa si è sbloccata nell'ultimo giorno di mercato e sono felice di essere arrivato qui. Dati per spacciati? Bisogna allenarsi e dare sempre il 100% seguendo il mister. Se riusciamo a fare risultato in una di queste due partite tra Juventus e Roma sicuramente cambierebbe l'opinione di tutta Italia. Non sono venuto qui per diventare la barzelletta di Italia, voglio arrivare alla salvezza. Non sono qui per essere come il Benevento del girone di andata dello scorso anno. Mi rode sentire o leggere certe cose e questa rabbia la dobbiamo mettere in campo. Fisicamente? Stiamo bene, ci alleniamo bene e andiamo a mille. Dobbiamo riportare questo anche in partita perché in serie A c'è bisogno di grande attenzione e non sbagliare nulla. Dobbiamo rimanere compatti sia nelle vittorie che nelle sconfitte. Convinto di giocare? Cerco di lavorare bene giorno per giorno seguendo quello che dice il mister. Quando arriverà il momento di sapere la formazione se il mister mi manderà in campo sarò felice di dare tutto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento