Frosinone, riparti dalle tue certezze!

È stata un'annata disgraziata, ma il Frosinone deve imparare dai propri errori e riprovarci immediatamente

Ripartire dalle certezze. È questo quello che deve fare il Frosinone in vista della prossima annata di Serie B che, per forza di cose, dovrà vedere ancora i giallazzurri lottare per qualcosa di importante. Lo deve fare perché questa società, questi tifosi e questa città meritano palcoscenici più importanti di quest’attuale Serie B, senza nasconderci dietro a delle frasi fatte. Sì, è vero, il Frosinone ha alle sue spalle solo 8 campionati di B (compreso il prossimo) e 2 di A, ma sfidiamo qualsiasi persona a trovare una piccola realtà che meriterebbe la massima categoria con stabilità più dei giallazzurri. E proprio per questo aumentano i rimpianti per quest’annata disgraziata. Non riprovarci immediatamente sarebbe un delitto. La B di adesso non è più quella di qualche anno fa, in tutto e per tutto. Il livello qualitativo è sceso a dismisura, con formazioni che spesso e volentieri riescono a fare il doppio salto dalla Serie C alla Serie A, e ci sono più società allo sbando (vedi Palermo) che solide. Il Frosinone è una mosca bianca delle piccole realtà del calcio italiano: stadio di proprietà, centro sportivo all’avanguardia e conti in regola. Club del genere, in Italia, se ne contano davvero sulle dita di una mano. Proprio per questo bisognerà rialzarsi al più presto e riprendersi ciò che si merita: la Serie A.

Il Frosinone merita di restare in A per molti anni. L'anno prossimo si cercherà subito di tornare in massima categoria

Bisognerà ripartire (e si ripartirà) dalla prima e grande certezza del Frosinone: Maurizio Stirpe. Un presidente che ha ottenuto risultati inimmaginabili negli ultimi 16 anni, sportivi e non. Quest’anno nato male e finito peggio, non può in nessun modo cancellare quanto di buono fatto nella sua gestione, mai. Sbagliare è umano e purtroppo in Serie A si paga carissimo, perché è una categoria che non ti permette il minimo sbaglio. Una categoria con cui ancora non si è creato il giusto feeling ma che presto, ne siamo sicuri, sarà la dimora fissa del Frosinone. Bisognerà ripartire da giocatori che hanno cucito questa maglia addosso e che per causa di forza maggiore non sono riusciti a dare il proprio contributo in questa Serie A, come Paganini e Dionisi. Calciatori che danno sempre tutto per i colori giallazzurri e che, anche a giochi ormai fatti, vogliono arrivare sempre prima degli avversari su quella dannata sfera bianca, solo per regalare una gioia ai propri tifosi. Bisognerà ripartire da grandi uomini, oltre che ottimi calciatori, come Brighenti e Ciofani, ma anche, se ci si riesce, da qualche giocatore che ha superato le critiche iniziali dando tutto e giocando molto bene come Salamon. Il Frosinone ha una base solidissima e, in più, ha un vantaggio notevole rispetto alle rivali: quello di programmare il tutto con molto anticipo. Riprovaci Frosinone, ripartendo dalle tue certezze.

Potrebbe interessarti

  • Minacce alla moglie, noto medico verolano sospeso dalla Asl di Frosinone

  • Il ricordo di Nadia Toffa: quella volta che parlò dei tumori della Valle del Sacco

  • Ferentino, gioca un euro al "Million Day" e si porta a casa un milione

  • Cassino, ecco le zone dove lunedì 19 e martedì 20 mancherà l'acqua

I più letti della settimana

  • Sora-Arpino, notte di sangue. Auto contro un muretto muore la giovane Stella Tatangelo (foto)

  • Sora, l'ultimo straziante saluto a Stella tra gli amici e le rose bianche (video)

  • Cassino-Formia, con l'auto sullo spartitraffico. Grave una ragazza di 24 anni

  • Trovato morto in un lago di sangue dall'anziana mamma

  • Piedimonte San Germano, scontro auto-moto, grave un centauro (foto e video)

  • Sora sotto choc per la tragedia di Arpino. Lutto cittadino nel giorno dei funerali di Stella Tatangelo

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento