Gsd Palombara Pall Serie C ,Il saluto al nostro Capitano!

Il saluto al nostro Capitano! Una lunga carriera quella di ILDIKO' VOJTH, attaccante di origine ungherese, nata a Debrecen (UNG) il 23/07/1974, altezza 180 cm, ruolo Centrale e non solo!!

Il saluto al nostro Capitano! Una lunga carriera quella di ILDIKO' VOJTH, attaccante di origine ungherese, nata a Debrecen (UNG) il 23/07/1974, altezza 180 cm, ruolo Centrale e non solo!!




Nazionale ungherese, la Vojth ha maturato la sua esperienza italiana in serie A prima con Castellenzese (A2) e poi tra le fila del Matera (A1) dove ha giocato per nove stagioni. Nella stagione 2006-07 contribuì a traghettare la Pall. Santa Croce sull'Arno dalla B1 alla A2, impresa che le riuscì anche nella successiva stagione 2007-08 con la casacca dell'Accademia Volley Benevento.


Nel 2008/09 Accademia Volley A2, 2009/10 Cittaducale Rieti B1, 2010/2011 Aito Volley Sarno B1 e, dopo qualche anno nella Fortitudo Città di Rieti tra B2 e B1, approda nel settembre 2014 al GSD Palombara Pallavolo vincendo il campionato di serie "D, infine quest'anno il campionato regionale di serie "C" con accesso ai play off.


Il GSD Palombara Pallavolo non poteva non dedicarle una giornata speciale, una giornata per onorare la sua professionalità, il suo impegno e le sue qualità.


"In due anni ci siamo legati in particolar modo a questa ragazza, - dichiara il DS Mario Fioravanti - è stata un'atleta fantastica, infatti tutte le nostre ragazze ,in questo breve periodo ,hanno sicuramente preso esempio da lei. Riusciva a sorridere sempre, anche nei momenti più difficili, incitava tutti comprese le nostre piccole e in questo modo diventava un idolo sia per le nostre piccole atlete,ma anche per la società.

Ora lascia la pallavolo e torna in Ungheria.Siamo contenti per lei ,ma dispiaciuti che ci lasci, perché eravamo sicuri che saremo riusciti a convincerla a giocare ancora un altr'anno con noi, anche se lei già da diverso tempo dichiarava che sarebbe stato l'ultimo. Per questo motivo abbiamo deciso di dedicarle un giorno particolare, anche se non ha voluto far parte delle atlete in campo e quindi si è immedesimata nei panni di Coach".


Tutte le atlete della società, anche le più piccole, hanno voluto partecipare ai festeggiamenti che sono proseguiti nel Galà di fine anno.


Prima dei saluti tra lacrime e dispiacere le abbiamo fatto qualche domanda:


Il gsd Palombara ha voluto onorare il tuo addio alla pallavolo italiana con un amichevole tra

compagne di squadra, è stata una sorpresa oppure te l'aspettavi?


A dire la verità non me l'aspettavo, è stata una sorpresa mi dispiace non aver giocato ma dopo un mese senza allenamento non volevo rischiare .Vorrei ringraziare le mie "bimbe", la società per questo bellissimo gesto..Significa tanto per me..


Nella tua lunga carriera hai militato solo alla fine in terra Sabina, cosa ci puoi dire di questi due anni?


Sono stati due anni indimenticabili,ho avuto la fortuna di conoscere persone meravigliose..Vi porterò sempre nel mio cuore, il GSD Palombara è una piccola società piena di persone che mettono anima è cuore per aiutare le proprie squadre.


Adesso che farai?


Ora mi aspetta un mese di fuoco perché devo organizzarmi un trasloco dall'Italia a casa mia..Dopo 20 anni ritorno dalla mia famiglia..


Se fossi rimasta in Italia avresti affrontato un altro anno di attività?


Non lo so difficile la mia testa dice di continuare ma il mio fisico non è d'accordo


Vuoi ringraziare qualcuno in particolare?


Ringrazio davvero tutti vi seguirò dall'Ungheria.Un grandissimo in bocca al lupo per il futuro..e Forza Palombara !!!


Ciao ILDY!!
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento