menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora chiude il girone d’andata con una vittoria per 3-1 sulla BCC Castellana Grotte

Nello scontro diretto per la salvezza conquista tre importantissimi punti che le fanno festeggiare il Santo Natale con un bottino classifica di 13 con il quale sale sull’undicesima piazza avanti a Vibo Valentia, Siena e Castellana Grotte.

Al PalaFlorio di Bari la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora chiude il girone d’andata con una vittoria per 3-1 sulla BCC Castellana Grotte. Nello scontro diretto per la salvezza conquista tre importantissimi punti che le fanno festeggiare il Santo Natale con un bottino classifica di 13 con il quale sale sull’undicesima piazza avanti a Vibo Valentia, Siena e Castellana Grotte. Nulla da fare invece per i pugliesi che alla boa chiudono il giro fanalino di coda restando ancora a secco di vittorie. Il match era di quelli fondamentali dove entrambi i club dovevano fare punti per lo stesso obiettivo, non è stato semplice per i ragazzi di coach Barbiero che nel primo set hanno subìto il ritmo del gioco avversario sùbito alla conduzione, non riuscendo ad andare oltre il cambio palla. Ma dall’avvio del secondo in poi l’atteggiamento è diventato positivo e propositivo, la squadra si è unita e, con la consapevolezza di voler e dover vincere questo scontro, è andata dritta fino alla vittoria finale senza cali ma come un rullo compressore. Forse la pressione non ha fatto bene al sestetto casalingo che, seppur nel suo palazzo ha creato tante difficoltà strappando un punto a squadre come Modena, Verona, Trento, e Monza, oggi non ha potuto nulla contro il miglior gioco di Sora.

Il commento a caldo di coach Barbiero

È stata una partita durissima come sapevamo tutti – dice coach Barbiero a caldo -. La posta in palio era altissima. Abbiamo giocato malissimo il primo set a causa di una tensione altissima in campo, che però pian piamo abbiamo rimesso in ordine. I ragazzi sono stati bravi a rimettere in ordine alcune cose, sia in battuta sia nella fase di ricezione e attacco, e pian piano siamo usciti fuori e abbiamo tenuto bene anche alcuni rientri di Castellana. L’organico avversario è composto da atleti di buon livello che a volte ci ha messo un po’ paura, però noi stiamo bravi a tenere. Una vittoria importante ma non determinante perché c’è ancora tanta strada da fare, però ci ha fatto vedere che se noi giochiamo attaccandoci alle nostre certezze riusciamo a fare delle buone cose”.

La gara

Allo starting playes Mister Di Pinto scende in campo con Falaschi in diagonale con Renan, De Togni e Zingel in posto 3, Mirzajanpour e Wlodarczyk in banda, e Cavaccini libero. Coach Barbiero affida la regia a Kedzierski e il posto 2 a Petkovic, il centro a Di Martino e Caneschi, le bande a Fey e Joao Rafael, e la seconda linea al libero Bonami. Di Martino apre il match ma il video check consegna la battuta nelle mani dei padroni di casa che, con Zingel a muro e Mirza in attacco, segnano il primo break, quello del 4-1. Joao Rafael interrompe la striscia positiva ma l’andamento del game continua a essere lo stesso, con Sora efficace solo al cambio palla e Castellana invece al break point. Così il set scivola via con i padroni di casa che tengono strette le lunghezze di vantaggio che gli avversari non riusciranno a ricucire vittime anche dei propri errori. È sul 23-17 che arriva un sussulto d’orgoglio con Caneschi a murare Mirza e Fey a inchiodare sempre sulla rete Renan, per il 23-20. Ferma il gioco coach Di Pinto e alla ripresa ancora lo schiacciatore Hawaiano con un lungo linea, ad annullare la prima possibilità set locale. Ma Mirza in pipe non perdona, così la BCC mette a referto il set 25-21.  

Il secondo set

La Globo torna in campo con l’ascia di guerra sguainata, e con Joao Rafael all’ace e Fey sulla rete è 0-3. Il solito Mirza rimette tutto in parità al 5-5 ma a scappare avanti per prima è sempre Sora che si mantiene alla guida fino all’11-12 quando il muro di Zingel sul pari ruolo Di Martino pareggia i conti e l’ace dello schiacciatore iraniano mette avanti i suoi 14-12. Richiama i suoi ragazzi coach Barbiero e alla ripresa Petkovic e Joao salgono in cattedra per riprendersi quello che era loro: la battuta insidiosa del brasiliano regala prima una possibilità ghiotta a Fey che di prima intenzione non se la lascia sfuggire, e poi va a segno direttamente dai nove metri per il 17-19. Tra gli errori al servizio si prosegue fino al 20-23 ma Wlodi si carica il sestetto in spalla e, prima con un lungo linea conquista il cambio palla, poi sulla rete blocca le intenzioni di contrattacco di Petkovic per la nuova parità del 23-23. I protagonisti continuano a essere gli stessi con Joao in diagonale astuto per il set ball e Wlodi a rispondere con la stessa moneta per i vantaggi. Ancora loro per il 25-25 ma poi il regista sorano si affida al suo bomber, Petkovic, per il 25-27 che rimette la contesa in parità.

Il finale

Tutto da rifare per entrambe le squadre che ritornano in campo per un terzo set che si apre come il precedente, con lo 0-3 sorano e l’aggancio pugliese al 4-4. L’equilibrio sul tabellone si legge fino al 9-9 quando Joao manda il suo regista al servizio dove resta per tre turni autografando anche un ace per il 9-13 che costringe la panchina locale a richiedere l’interruzione del gioco. Dopo la pipe di Mirza arriva l’ace di Joao che porta il vantaggio ospite sul +6 del 10-16. L’occhio elettronico immortala un tocco a muro sorano e dà slancio alla rincorsa gialloblu che, con De Togni a muro, Wlodi in attacco e un cartellino rosso, arriva al 20-20. Il muro bianconero sul neo entrato Studzinski, riporta la battuta nella sua metà campo e la consegna nelle mani esperte di Joao che, dopo due attacchi vincenti di Petkovic, chiude il set 21-25 proprio con un punto diretto. La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora torna in campo in modalità rullo compressore con laltro ace di Joao per lo 0-3, e l’insidiosa battuta di Caneschi che spiana la strada al contrattacco sorano per l’allungo dell’1-7. Il muro di Di Martino ai danni di Wlodi e la battuta vincente di Fey, fanno salire il vantaggio sul +8 del 3-11 e, le mani sulla rete di Caneschi e quelle del brasiliano a colpire ancora dai nove metri, conquistano la preziosa vetta del +9 del 7-16. Scende il gelo sul PalaFlorio, la chitarra elettrica smette di suonare. Mirza e compagni provano a rispondere, ma il servizio sorano diventa sempre più infuocato (10 ace totali) e i muri di Di Martino e Joao ai danni dell’iraniano e di Renan, mantengono il +9 al 15-24. Vuole chiuderla in modo più dignitoso Castellana così prova a ricucire un po’ lo strappo, ma Sora ha più fame di punti classifica e la chiude qua, sul 18-25.  

Il tabellino

BCC CASTELLANA GROTTE - GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA

BCC CASTELLANA GROTTE: Falaschi, Renan 15, Scopelliti, Zingel 6, Mirzajanpour 21, Wlodarczyk 18, Cavaccini (L), Quartarone, Kruzhkov n.e., Studzinski, Kovac n.e., Agrusti n.e., Pace (L) n.e.. I All.Vincenzo Di Pinto; II All. Barbone. B/V 1; B/P 17; muri: 8.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Kedzierski 2, Petkovic 31, Caneschi 8, Di Martino 4, De Barros Ferreira 19, Fey 6, Bonami (L), Marrazzo, Bermudez 2, Esposito n.e., Nielsen n.e., Rawiak n.e., Mauti (L) n.e.. I All. Barbiero; II All. Colucci. B/V 10; B/P 13; muri: 10.

PARZIALI: 25-21 (‘28); 25-27 (‘32); 22-25 (‘33); 18-25 (’25).

ARBITRI: Santi Simone, Saltalippi Luca.

TERZO ARBITRO: Rossi.

ADDETTO AL VIDEO CHECK: Colapietro. 

SEGNAPUNTI: Buonaccino.

MVP: Dusan Petkovic.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento