Lirfl (rugby a 13), Lavini lotta contro la “maledizione”: «Spero di tornare in Nazionale»

Mentre la Lega Italiana Rugby Football League (Lirfl) sta studiando date e formule delle competizioni della stagione 2017 oltre a programmare l'attività della Nazionale, la palla ovale del rugby a 15 è tornata a rotolare.

lavini1

Mentre la Lega Italiana Rugby Football League (Lirfl) sta studiando date e formule delle competizioni della stagione 2017 oltre a programmare l'attività della Nazionale, la palla ovale del rugby a 15 è tornata a rotolare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E con essa numerosi atleti che sono protagonisti anche nel rugby league, vista la notevole vicinanza e propedeuticità di una disciplina nei confronti dell'altra. Cristiano Lavini, colonna portante dei Gladiators nel rugby a 13 e attualmente in forza alla Primavera rugby (serie A) nel XV, è tra questi: per lui si è aperta una stagione importante perché a fine febbraio scorso si è rotto menisco e legamento crociato del ginocchio e ora vuole gettarsi alle spalle la sfortuna. «Mi sento bene e credo di poter dire di aver completamente recuperato dopo l'infortunio» conferma Lavini. Romano di nascita e mediano di mischia come ruolo, l'atleta classe 1987 ha scoperto casualmente il rugby a 13 e non l'ha più mollato. «Mi sono avvicinato oltre cinque anni fa a questa disciplina su consiglio di un amico e mi è subito piaciuta perché questo è un gioco semplice, molto atletico, molto d'impatto. Quest'anno tornerò a giocare coi Gladiators, se non ci saranno intoppi». E in effetti gli infortuni lo hanno perseguitato e, come una sorta di maledizione, gli hanno impedito spesso di partecipare agli appuntamenti con la Nazionale di rugby a 13. «Di fatto ho collezionato una sola presenza ufficiale in maglia azzurra – racconta Lavini -, quella risalente al match del 2013 in Kenya. Tra l'altro in quell'occasione, prima di giocare la partita, sono stato due mesi in Kenya per conto della Lirfl che stava portando avanti un progetto sociale per dare sostegno ai bambini degli orfanotrofi. Un'esperienza bellissima che non posso dimenticare». Il cruccio della Nazionale, comunque, gli è rimasto. «Cercherò in ogni modo di rientrare nel gruppo azzurro – conclude Lavini – E con la medesima determinazione, assieme ai miei compagni di squadra dei Gladiators, cercherò di riportare lo scudetto a Roma».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento