Tennis, a Forlì dopo la prima giornata di Fed Cup Italia e Slovacchia ferme sull'1 a 1

In un palazzetto dello sport con oltre 3700 presenze (e per un primo turno della serie B di Fed Cup) le nazionali italiane e slovacche hanno dato vita alla prima giornata

Errani rovescio

In un palazzetto dello sport con oltre 3700 presenze (e per un primo turno della serie B di Fed Cup) le nazionali italiane e slovacche hanno dato vita alla prima giornata

degli incontri a Forlì (RC). Dopo le prime due sfide si è sul punteggio di parità sull’1 a 1. Alla facile vittoria in due set della Schiavone sulla Anna Karolina Schmiedlova per 63 61 che ha “inaugurato” il nuovo corso di capitan Garbin in panchina (ma Barazzutti era in tribuna insieme alle giovanissime Paolini e Trevisan, evidentemente ancora non è stufo dell’ambiente) non ha fatto seguito la “padrona” di casa Sara Errani che è stata sconfitta dopo tre set dalla giovanissima dal dritto devastante Rebecca Sramkova con il punteggio di 26 63 64. Sara, coma al solito ci ha messo l’anima ed ha lottato punto su punto ma alla fine ha dovuto cedere. La nostra “leonessa” nazionale capace nel 2010 di vincere il primo Slam femminile a Parigi nell’ultimo anno di carriera riesce ancora ad essere protagonista“E’ stato un match di alto livello, ma non cosi facile come dice il punteggio. Lei spingeva tanto, a parte il servizio che ogni tanto le cadeva in campo,. Io cercavo portare avanti il mio gioco, di farla muovere, di aprire gli angoli e ci sono riuscita perché fisicamente ero più forte. “ Sorride Francesca Schiavone dopo aver portato il primo punto all’Italia nella sfida contro la Slovacchia nel primo turno del World Group ll di FedCup.

“Sono contenta di come ho giocato. Ho lavorato bene fisicamente ed aprivo bene con il servizio, lei tira forte, ma controllavo il gioco e sono riuscito a portarla dove volevo io.”

Questa prima sfida con un capitano diverso da Corrado Barazzutti dopo 16 anni non ha perturbato più di tanto Francesca .

“Corrado è stato un capitano non comune. Ho confidato tanto in lui e mi ha aiutato a preparare anche questo match. Un capitano ha responsabilità grandi e non è facile entrare subito nel ruolo. Questo incontro permetterà a Tathiana di capire e d entrare nel ruolo, ma io vedo ancora in Corrado un punto di riferimento importante.”

In FedCup si gioca per la squadra e la Schiavone che ha giocato ben 48 incontri lo sa benissimo.

“La FedCup ti da motivazioni grandi cosi come l’importanza del gruppo che ti da energia se sei sotto, ed il confronto continuo con le compagne, il capitano;, e la compattezza dell’uno per tutti e tutti per uno.”

Infine un commento su Jasmine Paoline e Martina Trevisan le due giovani nuove convocate in nazionale

“Sono ragazze con le quali dobbiamo lavorare. Non è vero che dopo c’è il vuoto, secondo me l’Italia c’è. Certo devono avere vicino persone che le permettano di crescere, ma anche queste esperienze sono importanti come per me quando giocavo con Rita Grande e Silvia Farina. In due settimane si accumula l’esperienza di due mesi. Con coach di spessore possono crescere e tanto.” Dal Nostro inviato a Forlì Daniele Flavi (AGL) Foto Massimo Costantini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento