Tennis, Fognini e Lorenzi illudono ma soccombono al quinto set. Italia sotto 2 a 1

Del Potro-Pella (ARG) battono Fognini-Lorenzi (ITA) 6,1, 7-6 (7-4), 3-6, 3,6, 6-4 in 3 ore e 50’. La giornata pesarese dedicata al doppio di Coppa Davis nell’incontro dei quarti di finale del tabellone

doppio

Del Potro-Pella (ARG) battono Fognini-Lorenzi (ITA) 6,1, 7-6 (7-4), 3-6, 3,6, 6-4 in 3 ore e 50’. La giornata pesarese dedicata al doppio di Coppa Davis nell’incontro dei quarti di finale del tabellone mondiale tra Italia e Argentina ha portato gli azzurri prima a gioire per la vittoria mattutina di Fognini su Monaco. Poi nel tardo pomeriggio è arrivata la delusione per la sconfitta patita al quinto set dalla coppia Fognini e Lorenzi contro Del Potro e Pella. Gli azzurri, sotto per due set a zero, hanno portato la coppia argentina fino al quinto, ma qui hanno ceduto dopo strenua lotta.

IL MATCH - I primi due set erano stati vinti con autorità dalla formazione Albi Celeste per 6-1, 7-6 (7 a 4 il punteggio del Tie Break) senza concedere una sola palla break agli azzurri. Nella frazione d’avvio Lorenzi era apparso sottotono e in difficoltà a tenere un ritmo di gioco adeguato al match rispetto a Fognini, perdendo il servizio per ben due volte sui due turni di battuta avuti a disposizione. Nel secondo set l’andamento della partita è stato invece più in equilibrio. Lorenzi è entrato meglio in partita ma senza mai eccellere e la frazione è arrivata al Tie Break, conquistato comunque dall’Argentina in modo netto per 7 punti a 4. Sia Del Potro che Pella avevano in mano le redini della sfida e sui colpi di rimbalzo riuscivano a trasmettere maggior pesantezza alla pallina costringendo spesso gli azzurri a giocare sovra ritmo e di conseguenza a commettere errori non forzati. Tutto pareva ormai perduto ed il duo messo in campo da Capitan Barazzutti ormai sotto di due set non pareva in grado di ribaltare la situazione venutasi a creare sul campo.

Invece come ogni tanto accade nelle discipline dove la condizione mentale può far mutare l’andamento delle partite è successo qualcosa nella testa dei 4 tennisti in campo. Gli italiani hanno fatto pausa alla fine del secondo set, sono usciti dal terreno di gioco ed al rientro sono diventati più consistenti, hanno abbattuto la percentuale di errori e hanno cominciato a mettere pressione alla coppia Argentina. Nel terzo set ha cominciato a servire Fognini, a differenza delle prime due frazioni. La variante ha avuto effetto e l’Italia ha conquistato il parziale per 6-3, mettendo a segno un break su Del Potro nel quarto gioco.

Anche il quarto set ha avuto lo stesso andamento e si concluso con identico punteggio di 6 giochi a 3 per gli azzurri. Dopo 2 ore e 58’ l’Italia è approdata al quinto set. Nessuno avrebbe puntato un euro sulla coppia italiana appena 90 minuti prima. L’imprevedibilità è uno degli aspetti più affascinanti dello sport della racchetta. Mai dare per scontato l’esito di un match. Questa tesi sarebbe stata incredibilmente avvalorata anche nel set decisivo che stava per cominciare.

Fognini e Lorenzi ben caricati dalla rimonta sono passati a condurre la partita finale per 3 a 2. Nel sesto gioco hanno avuto ben 3 palle per strappare il servizio a Pella sempre ai vantaggi. Le tre circostanze favorevoli sono però state vanificate da 2 errori degli italiani e da un vincente di Pella. Quindi dal possibile 4-2 Italia e servizio a favore il punteggio è andato sul 3 pari. Il fallito allungo ha prodotto nella testa della coppia italica uno sconquasso, al punto tale che l’Argentina ha conquistato i successivi due giochi a zero, mettendo a segno un parziale positivo di 13 punti a 0. Avanti per 5-3, Del Potro-Pella sono giunti al match point sulla battuta di Fognini, ma gli azzurri sono riusciti in questo frangente a non cedere le armi. La resa è giunta poco dopo quando Del Potro e Pella con 4 punti di fila hanno sigillato il match. L’argentina conduce adesso per 2 a 1. La giornata domenicale deciderà quale squadra avrà accesso alle semifinali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da Pesaro, foto e servizio Paolo Rossi e Daniele Flavi (AGL)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento