Per la Virtus la vittoria rimane un tabù: al Casaleno passa anche l’Orlandina Basket

Coach Vettese conferma “Abbiamo perso in maniera imbarazzante la lotta sotto canestro”

Dopo i primi 165 minuti della stagione, per la Virtus Cassino la vittoria rimane un tabù. Non bastano, per le ‘V’ rossoblù, neanche un Antino Jackson da 22 punti e un Dalton Pepper da 19 punti e 8 rimbalzi, perchè per coach Sodini scendono in campo due assoluti extraterrestri per la serie A2 Old Wild West, Triche e Parks, capaci di segnare ben 62 punti dei 99 totali della formazione siciliana.

Il commento di Luca Vettese

Abbiamo perso in maniera imbarazzante la lotta sotto canestro” esordisce in conferenza stampa il coach della Virtus Cassino, Luca Vettese. “Dobbiamo fare meglio sia noi come staff tecnico, sia i ragazzi in palestra. Forse abbiamo sbagliato qualche valutazione su qualche situazione di gioco e su qualche giocatore. Non abbiamo tempo adesso per leccarci le ferite perchè adesso dobbiamo immediatamente preparare un’altra partita impegnativa contro Rieti che giocheremo mercoledì. Forniremo ai nostri giocatori i giusti strumenti per far fronte a questo momento di difficoltà e per far sì che i risultati arrivino nel più breve tempo possibile”.

L' inizio della gara

Il match inizia subito con una Virtus pronta a dimostrare il cambio di rotta dopo la sconfitta con Casale, e con una piccola sorpresa nello starting five: Simone Bagnoli in panchina ed al suo posto il pari ruolo Tommaso Ingrosso. La scelta di coach Vettese sembra pagare e nonostante un Antino Jackson non precisissimo nel primo quarto, la Virtus chiude in vantaggio al primo mini-intervallo, 21-19. La squadra della città martire, però, pare concedere davvero troppo alla coppia americana bianco-azzurra ed il gap incomincia a farsi pesante. Bruttini sotto le plance lotta come un leone e produce quasi una doppia/doppia, Lucarelli supporta i compagni con ben 16 punti, mentre Mobio e Donda danno minuti di respiro e qualità ai ‘titolari’ di Sodini.

Il finale

È una Virtus alle corde nel 2 quarto, un pugile che incassa colpo su colpo l’energia della compagine siciliana, ma le ‘V’ rossoblù non ne vogliono sapere, e ancora non vanno al tappeto.Capo D’Orlando nella terza frazione cerca l’allungo decisivo, toccando anche il +18, ma la formazione cassinate, grazie al solito Pepper, e all’asse tutta italiana Paolin-Ingrosso, riesce ad accorciare le distanze. Jackson nella quarta frazione esce fuori dai giochi per cinque falli, ed arriva il momento di Fabrizio De Ninno, che con un tiro da 3 in transizione, fa sognare il pubblico del palasport di Frosinone. È meno 3 per Cassino. Ogni volta che la squadra di coach Vettese, però, riesce a farsi sotto, è sempre la classe arbitrale a metterci puntualmente lo zampino, e sono 37 i tiri liberi infatti che verranno assegnati alla fine del match a favore della compagine siciliana. Cassino, nonostante tutto non vuole saperne di mollare, ed è ancora Pepper che con un tiro nel pitturato ricuce il gap fino al -2. Triche si dimostra a questo punto l’uomo in più per la squadra ospite, e con un arresto e tiro dopo un ottimo blocco di Bruttini sigla il +4 per Capo D’Orlando. Cassino chiama time-out, ma in attacco un non brillante Raucci perde il pallone e Parks sigilla in contropiede i due punti in classifica conquistati dall’Orlandina.

Le parole della presidentessa Donatella Formisano

Non sono solita intervenire in conferenza stampa dopo le partite, ma reputavo quest’oggi il mio contributo assolutamente necessario” tuona nel post-partita la presidentessa della Virtus Cassino, Donatella Formisano. “Sono una persona che pretende tanto dai suoi collabotori e dai suoi giocatori, e quindi penso sempre prima a sistemare le problematiche interne rispetto a quelle che non dipendono dal nostro operato. Ci sono sicuramente tante cose che noi come staff, dirigenza e società dobbiamo migliorare, ma è altrettanto importante che a questo livello chi dirige le nostre partite si comporti in modo adeguato al palcoscenico in cui si trova. Il vittimismo è un comportamento che di certo non mi appartiene, ma è stato davvero palese come alcune decisioni arbitrali siano state prese non utilizzando un metro di valutazione omogeneo. Quello accaduto questa sera mi fa davvero pensare a cose che una società non dovrebbe mai neanche lontanamente immaginare. Ci fischiavano ad ogni minimo contatto un fallo, ad ogni nostro tentativo di accorciare le distanze interveniva sempre un fischio scientifico a favore degli avversari… giocare a questi livelli e vedere quanto accaduto è davvero frustrante, per una società come la nostra che investe e spende importanti risorse economiche, ma soprattutto umane, in un campionato impegnativo come la serie A2. Invito tutti ad una maggiore obiettività ed invito gli organi competenti a visionare le partite e a prendere i giusti provvedimenti, perchè noi siamo una società esattamente uguale alle nostre concorrenti e non meritiamo un simile trattamento. Per chiudere, spero che la gente non continui ad essere miope nei confronti della società che rappresento e che incominci a supportarci e a seguirci seriamente; ci stiamo spendendo veramente tanto per la nostra città, e non venire ripagati in maniera idonea, in termini di persone che ci vengono a sostenere al campo il giorno della partita, è davvero deprimente. Spero che il trend possa cambiare e che la gente possa incominciare seriamente a muoversi per sostenere la Virtus e la città di Cassino”.

Prossimo appuntamento per la Virtus, al PalaSojourner di Rieti mercoledì alle ore 20:30.

 Il tabellino

BPC Virtus Cassino - Orlandina Basket Capo d'Orlando 92-99 (21-19, 24-35, 21-26, 26-19)

BPC Virtus Cassino: Antino Jackson 22 (6/10, 2/6), Dalton Pepper 19 (4/8, 2/7), Francesco Paolin 12 (3/5, 2/4), Davide Raucci 11 (4/5, 0/6), Luca Castelluccia 9 (0/0, 3/7), Tommaso Ingrosso 8 (0/2, 1/4), Simone Bagnoli 6 (1/10, 0/0), Fabrizio De ninno 5 (1/1, 1/1), Filippo Rossi 0 (0/0, 0/0), Dario Masciarelli 0 (0/0, 0/0), Davide Bianchi 0 (0/0, 0/0), Alessio Vorzillo 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 21 / 24 - Rimbalzi: 38 13 + 25 (Dalton Pepper 8) - Assist: 15 (Dalton Pepper 7)

Orlandina Basket Capo d'Orlando: Jordan Parks 34 (8/12, 3/7), Brandon Triche 28 (7/12, 2/10), Jacopo Lucarelli 16 (3/5, 2/4), Davide Bruttini 11 (4/8, 0/0), Matteo Lagana 7 (0/0, 2/4), Nicola Mei 2 (0/1, 0/2), Yantchoue joseph Mobio 1 (0/0, 0/1), Andrea Donda 0 (0/1, 0/0), Marco Murabito 0 (0/0, 0/0), Lorenzo Neri 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 28 / 37 - Rimbalzi: 38 11 + 27 (Jacopo Lucarelli, Davide Bruttini 8) - Assist: 14 (Brandon Triche 7)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento