Volley, Globo Banca Popolare del Frusinate Sora ,Fabio Soli e Andrea Lanci commentano il loro big match

Sono stati cinque duri set quelli giocati dalla Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e dalla Sieco Service Ortona la scorsa domenica al PalaGlobo “Luca Polsinelli”. Si è chiuso 3-2 in favore degli ospiti lo scontro al vertice della classifica...

Andrea Lanci

Sono stati cinque duri set quelli giocati dalla Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e dalla Sieco Service Ortona la scorsa domenica al PalaGlobo “Luca Polsinelli”. Si è chiuso 3-2 in favore degli ospiti lo scontro al vertice della classifica che ha visto le due squadre scappare e rincorrersi dando vita a un grandissimo spettacolo applaudito dal pubblico delle grandi occasioni. Più lucide ma in egual modo emotive le considerazioni a caldo dei protagonisti del match.

Coach Fabio Soli va dritto al punto spiegando chiaramente qual è stato il problema dei suoi ragazzi:

“La Globo scesa in campo oggi rispecchia quanto visto nelle ultime partite, una squadra che ha dimostrato di essere in un momento che non riflette affatto quanto creato nella prima parte di campionato. Siamo nervosi, cosa che non mi sarei mai aspettata da un gruppo così esperto e capace di produrre un gioco fluido e a tratti coraggioso come abbiamo visto fino a qualche match fa. Le cose non sono più come allora, ci facciamo prendere troppo dal nervosismo che incide poi sul rendimento. Dobbiamo scavare a fondo nel problema perché non riscontro grandi difficoltà tecniche ma solo una forte tensione che si insinua da troppo tempo e alla quale dobbiamo dire basta ripartendo dalla serenità che prima ci contraddistingueva. Certo, non sarà facilissimo ma ce la faremo.

Ho sempre ritenuto che dal momento in cui viene fatto un innesto di rilievo in una squadra con grandi qualità tecniche e morali come la nostra, non si possa fare altro che trarne beneficio. In qualità di mister di questi ragazzi penso che Cala sia un giocatore molto valido, una sorta di valore aggiunto alla squadra e il mio intento è quello di farlo presente a tutti.

Ho un gruppo con grandi qualità che dovrebbe ricordare che i risultati non sono frutto di pure individualità bensì di un giusto mix tra singoli che si mettono a disposizione l'uno dell'altro. Fino a ora ci siamo sempre trovati molto bene in quanto non avevamo niente da perdere ma adesso che il momento si fa critico e abbiamo gli occhi di tutti puntati addosso in quanto considerati potenziali vincitori, dobbiamo mostrare di essere all'altezza di questo ruolo e di meritarcelo. Purtroppo, come ripeto spesso ai miei ragazzi, ci lasciamo prendere troppo dal nervosismo e perdiamo di vista le cose più importanti seppure le più banali come un paio di buone alzate o delle coperture mancate che in un tie break pesano ancora di più. Tutto questo è conseguenza del fatto che non siamo più lucidi e sereni nonostante noi dello staff, me in primis, facciamo in modo di non mettere pressione ai ragazzi riguardo i play off.

Ora voglio cercare di capire quale sia la motivazione e trovare una soluzione dato che il tempo a nostra disposizione è ormai poco. Non ci resta che allenarci sereni e coscienti del fatto che Ortona in questa gara ha meritato la vittoria portando in campo un gioco che mi ha ricordato molto le prestazioni che fino a un paio di gare fa eravamo in grado di dare noi”.

Il palleggiatore teatino Andrea Lanci invece è stato più generico ma ha comunque reso l’idea:

“E’ stata una partita molto combattuta come del resto ce l'aspettavamo. In campo c'erano la prima contro la seconda della classe che se la sono giocata in maniera molto equilibrata fino all'ultima palla attraversando nel corso dei set svariati cambi di fronte. Sora è una grandissima squadra ma noi siamo stati bravi nel riuscire a tenergli testa nel tie-break. Da questo match non ci aspettavamo niente dato che eravamo coscienti fosse una di quelle gare in cui non puoi fare previsioni e tutto può cambiare in corso d'opera e da un momento all'altro. A dimostrazione di questo infatti la Globo si è subito portata in vantaggio di un parziale, noi siamo riusciti a ribaltare la situazione con un conteggio set di 2-1 in nostro favore, ma poi il match si è proteso fino al quinto set. Brava Sora a riaprire all'improvviso sul 9-13 il tie break fino al 13 pari anche se poi si è concluso con una nostra vittoria ma solo dopo che entrambe ce l'abbiamo messa tutta per portare a casa la partita. Siamo venuti a giocare sul campo di una grandissima squadra ma nonostante questo siamo riusciti a vincere e conquistare due punti e ne siamo contentissimi, sperando anche di aver offerto un bello spettacolo al numerosissimo pubblico”.

Carla De Caris

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Frosinone "quando nevicherà?" Cosa dicono le previsioni meteo

  • Giovane infermiera muore nel sonno, familiari e colleghi sotto choc

  • Coronavirus, la Ciociaria ed il Lazio in zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Tanta acqua e poco carburante nelle cisterne: denunciato titolare di un distributore (video)

  • Coronavirus in Ciociaria: il bollettino di giovedì 14 gennaio. Lazio ormai avviato alla zona arancione

  • Frosinone ancora una volta sotto i riflettori nazionali a livello enogastronomico: la Rai spiega il "metodo Dolcemascolo"

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento