Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Gli auguri speciali di compleanno al figlio sordomuto dalla nascita

Succede a Cassino dove l'amore di mamma Rossella nei confronti del piccolo Nicholas viene raccontato attraverso l'alfabeto dei segni

 

Nove anni di amore puro, di sostegno continuo, di sacrifici quotidiani. Nove anni di risultati e delusioni, di amarezza e gioia infinita. Una mamma ed un papà che tenacemente da tanto tempo lottano per consentire al loro bimbo, Nicholas, di aver una vita normale. Ed oggi, 21 maggio, questo bimbo speciale, sordomuto dalla nascita, compie gli anni. E la madre Rossella ha voluto fargli un regalo altrettanto speciale. Con la lingua dei segni ha realizzato un video messaggio cantando 'Tanti auguri' e lo ha pubblicato sulla pagina Facebook che gestisce insieme al marito Luka. Un gesto d'amore che ha riempito di felicità il bambino che nonostante le difficoltà di udito e di linguaggio, riesce a farsi comprendere e soprattutto ha una spiccata attitudine per la tecnologia. Accade a Cassino, nel sud della provincia di Frosinone dove la famiglia Ljiljanic vive.

L'inizio del dramma

Le difficoltà del bimbo nel sentire sono state notate dai genitori che hanno quindi iniziato la dolorosa trafila dei consulti. In molti hanno diagnosticato un ritardo mentale del piccolo. La tenacia e la caparbieta di Luka e Rossella hanno però avuto la meglio: i genitori di Nicholas consultano un pediatra luminare a Roma che finalmente comprende che il bimbo è nato sordo, è affetto da ipotonia. "Da questo momento in poi abbiamo fatto l'impossibile, soprattutto mio marito, affinché nostro figlio recuperasse il tempo perduto e iniziasse ad avere una vita normalissima. La prima volta che ha sentito la nostra voce e quella di sua sorella Sofia aveva cinque anni. Una sensazione meravigliosa che non si può descrivere".

La vivacità

"La sua giornata è piena di vita, di energia. Va a scuola, dove frequenta la terza elementare presso il plesso 'San Silvestro' di Cassino. Le sue maestre, quella di sostegno Barbara e le maestre Cristina, Daniela, Raffaella, Rossana, Elisa ed Iris, sono affettuosissime con lui che oggi, grazie a degli apparecchi, sente ad entrambe le orecchie. Quando torna a casa e dopo aver fatto i compiti mi aiuta nelle pulizie. Si diverte così oppure vedendo i filmati su Youtube. E' un bimbo tecnologico e in un secondo riesce ad utilizzare il telefono cellulare come noi adulti saremmo mai capaci di fare".

L'amore e il sostegno

Nicholas è circondato dall'affetto oltre che di mamma Rossella e papà Luka e delle sorelline Sofia ed Alisya anche dalle tante persone che conosco il dramma vissuto dalla famiglia. In particolar modo il bimbo è divenuto una sorta di mascotte all'interno della caserma militare 'Lolli Ghetti' di Cassino dove il papà presta servizio presso l'Ottantesimo Rav Cassino. "Si diverte a partecipare alle cerimonie di giuramento e soprattutto i colleghi di mio marito hanno sempre mostrato la massima disponibilità. I colleghi di lavoro sono stati la nostra seconda famiglia ed un vero punto di riferimento come solo nel mondo militare accade".

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento