rotate-mobile

VIDEO | Elezioni Frosinone 2022, l'appello al voto dei cinque candidati a sindaco

A ridosso delle Amministrative di Frosinone, nell'ordine delle schede elettorali, le risposte di Vincenzo Iacovissi, Domenico Marzi, Giuseppe Cosimato, Riccardo Mastrangeli e Mauro Vicano alla domanda: "Perché i Frusinati dovrebbe votare lei?"

Domani, sabato 11 giugno 2022, silenzio elettorale fino alle Elezioni amministrative di domenica 12. Si voterà dalle 7 alle 23, anche i cinque Referendum sulla giustizia che saranno di scena nel resto della Ciociaria. FrosinoneToday.it ha già intervistato tutti e cinque i candidati a sindaco di Frosinone: in ordine di comparsa sulle schede elettorali, Vincenzo Iacovissi (Psi-Nuovo centrosinistra), Domenico Marzi (Campo largo di centrosinistra), Giuseppe Cosimato (Civico), Riccardo Mastrangeli (Centrodestra e Civiche) e Mauro Vicano (Centro).

A domanda (Perché i Frusinati dovrebbero votare per lei?) rispondono lanciando il proprio appello al voto. Secondo l'impiegato statale Iacovissi "l'alternativa è tra il passato e il futuro, il nostro progetto politico". L'avvocato e già sindaco Marzi, invece,  ricorda che "nel 2002 realizzammo una marea di opere pubbliche che non abbiamo visto in quattro anni e successivamente per in quindici anni".

L'avvocato Cosimato, dal canto suo, ritiene che "gli altri candidati rappresentano la vecchia politica, il passato prossimo o il passato remoto". A ruota, di contro, il farmacista e assessore uscente Mastrangeli: "A me quello che sta a cuore è il benessere dei cittadini, la qualità di vita. L'ho dimostrato in questi dieci anni". Conclude l'ex dirigente Asl e Saf Vicano: "Se sarò eletto Sindaco, vorrò essere ricordato come il miglior Sindaco". 

Speciale Elezioni Amministrive Frosinone 2022

Perché i Frusinati dovrebbero votare per lei?

Iacovissi: "Se davvero vogliamo pensare alle prossime generazioni, e non alle prossime elezioni, l'unica possibilità è sposare il mio progetto. Il progetto che è portato avanti dal Partito socialista e dal Nuovo centrosinistra, e che vede in me il candidato sindaco per costruire una nuova prospettiva di futuro nella città, una città in cui siano le nuove generazioni a farsi carico dell'onere e dell'onore di amministrare. Dobbiamo restituire ai Frusinati l'orgoglio di vivere in una città che sia attrattiva, a misura di  cittadino e, soprattutto, che possa proiettare il nostro Capoluogo in una cornica ampia, dinamica ed europea. L'alternativa è tra il passato e il futuro. La scelta è quella che deve guardare verso il futuro sposando il nostro progetto politico. Spero che i cittadini ci diano la possibilità di cambiare davvero Frosinone". 

Marzi: "Bah, io penso che innanzitutto, nei miei confronti, c'è una riconoscenza sicuramente diffusa per quello che ho fatto quando governammo in anni anche complessi, dal 1998 al 2002 e poi fino al 2007. Io ricordo a tutti i cittadini di Frosinone che nel 2002 realizzammo una marea di opere pubbliche che non abbiamo visto in quattro anni e successivamente per in quindici anni. In dieci anni di Ottaviani abbiamo visto 'realizzare', che è una cosa diversa, abbiamo visto comprare un palazzo comunale, concorrere a realizzare con le risorse del presidente Stirpe uno stadio. Non l'ha fatto Ottaviani lo stadio di Frosinone. Questo lo può raccontare forse nella tundra norvegese, non credo qui a Frosinone". 

Cosimato: "Semplice. Siamo l'unica proposta nuova in questo panorama politico. Gli altri candidati rappresentano la vecchia politica, il passato prossimo o il passato remoto. O quantomeno appartengono a schieramenti che hanno sempre amministrato. Ora è il momento di cambiare. Se si ha veramente voglia di cambiare, voltare pagina e dare un volto nuovo a questa città, occorre votare in modo diverso. Occorre un voto giovane, un voto importante e soprattutto un voto significativo". 

Mastrangeli: "In questi dieci anni ho lavorato tantissimo per portare avanti un piano di riequilibrio di 50 milioni di euro di debiti ereditati dalle precedenti amministrazioni. Ma, nonostante questo, sono stato capace di attrarre investimenti importanti per la nostra città. A me quello che sta a cuore è il benessere dei cittadini, la qualità di vita. L'ho dimostrato in questi dieci anni, voglio continuare su questa linea con un nuovo entusiasmo e un nuovo slancio". 

Vicano: "Io vivo praticamente da sempre a Frosinone. E i miei concittadini avranno sicuramente apprezzato la mia serietà e l'impegno che ho sempre messo nelle mie attività, sia pubbliche che private. Anche sul piano personale. Ho diretto società importanti, le ho dirette nel miglior modo possibile. Le ho sempre lasciate con bilanci in attivo e con un aumento dell'occupazione. In particolare ho diretto le strutture sanitarie della città, a partire dall'ospedale. Io vorrei mettere nell'amministrazione del Comune di Frosinone lo stesso impegno, la stessa dedizione e la stessa competenza. Anzi, io sono ambizioso: se sarò eletto Sindaco, vorrò essere ricordato come il miglior Sindaco". 

Copyright 2022 Citynews

Sullo stesso argomento

Video popolari

VIDEO | Elezioni Frosinone 2022, l'appello al voto dei cinque candidati a sindaco

FrosinoneToday è in caricamento