Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Coronavirus in Ciociaria: il lockdown di Alessandro e Donatella, titolari di "Caffè 2000"

Sono proprietari dello storico bar di Ceccano e genitori di Sara,11 mesi. “È lei che ci ha aiutato a superare queste giornate, è stata dura”, dice lui. “Ripartiremo con asporto e delivery”, aggiunge lei. Primo caffè a domicilio per un cliente speciale

 

L’amore, la famiglia e il lavoro ai tempi del Coronavirus: tutto in una storia simile a quella di tantissimi commercianti della provincia di Frosinone, ma con le sue peculiarità. È il lockdown secondo il 35enne Alessandro Urbani e la 32enne Donatella Aversa, che ormai da dieci anni hanno rilevato lo storico “Caffè 2000” di Ceccano. È il bar della centrale Piazza 25 Luglio, risale agli inizi del Novecento ed è di proprietà della famiglia di lei dal lontano 1968. Allora era dei suoi nonni paterni, Pietro e Ada, e chi lo ha frequentato ricorda ancora benissimo i gelati divorati, le schedine del Totocalcio giocate nonché la prima Tv a colori per i Mondiali di calcio del 1978. Poi il bar è passato ai suoi genitori, Mario e la compianta Cesarina, strappata all’improvviso agli affetti nel 2009 da un aneurisma.

VIDEO | Coronavirus, il lockdown dei ragazzi della 'trattoria della legalità' di Cassino

Ora, in questo 2020 che è coinciso con i 52 anni di attività e con la tremenda emergenza sanitaria e socioeconomica da Covid-19, la terza generazione firmata Aversa-Urbani si prepara a ripartire, in una versione diversa e temporanea, prima della riapertura ufficiale consentita nel prossimo mese di giugno. “Speriamo anche noi - aggiungono all’unisono i protagonisti del video-racconto al termine dello stesso - di riuscire a tramandarlo a nostra figlia”. Sara, 11 mesi. “È lei - sottolinea Alessandro - che ci ha aiutato tantissimo a superare queste giornate, è stata veramente dura, ma abbiamo riscoperto il valore della famiglia”. “Ricominceremo con l’asporto - si aggancia Donatella - Abbiamo acquistato tutto il necessario per il take away e ci stiamo organizzando anche per il ‘delivery’”. Infine, la loro dedica: “Il primo caffè a domicilio sarà per un nostro cliente speciale che se n’è andato di recente: l’indimenticabile Ingegner Tonino Olmetti”.  Questa è la vera Ceccano, non quella trasmessa nella serata del 28 aprile da Striscia la notizia.  

Ceccano, se n’è andato l’Ingegner Antonio Olmetti

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento