Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Elezioni Ceccano, i festeggiamenti del riconfermato sindaco Caligiore

Niente ballottaggio tra il candidato di centrodestra, che ha centrato più del 50% dei voti validi, e uno dei due competitor di centrosinistra: Marco Corsi ed Emanuela Piroli

 

L'ex sindaco Caligiore può festeggiare eccome presso il suo comitato elettorale perché va oltre il 50% dei consensi, vince al primo turno delle Elezioni comunali 2020 e viene riconfermato alla guida della città di Ceccano. Niente ballottaggio tra il candidato di centrodestra contro uno dei due competitor di centrosinistra: l'ex presidente del Consiglio Marco Corsi ed Emanuela Piroli. Il secondo turno, inizialmente, pareva essere quello che avrebbe deciso le Elezioni comunali 2020, ma non è stato così. Una vittoria indubbiamente schiacciante quella del già primo cittadino, che si appresta così a dare il via al Caligiore bis. 

++ Articolo aggiornato alle 16.30 ++

L'affluenza: quasi il 72% degli elettori al voto

L'affluenza è arrivata a sfiorare una percentuale del settantadue per cento: per l'esattezza, 71.79% secondo le fonti ministeriali, mentre sul sito istituzionale del Comune di Ceccano viene riportato un 71.95% (13.943 votanti). D'altronde, anche a livello di corpo elettorale, il Ministero dell'Interno parla di 19.423 cittadini aventi diritto al voto e l'ente municipale ne conta 19.379 (9.924 donne e 9.455 uomini), ovvero 44 in meno. 

Il confronto con le Elezioni Comunali del 2015

Rispetto alla tornatata elettorale del 2015, che si svolse in un'unica giornata (31 maggio) e vide partecipare 15.139 degli allora 19.779 elettori (il 76.54%), si registra così un calo di affluenza dovuto indubbiamente al mix di Coronavirus-fobia e disaffezione alla politica. Stavolta, nella due-giorni in cui è di scena anche il referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari, si è passati dal 14.04% (alle 12 del 20 settembre) al 36.66% (alle 19) e poi dal 52.17% (alle 23) fino al succitato e definitivo 71,95%. Questo a detta del Comune. Per il Ministero, invece, prima 14%, nel mezzo 36.58%, poi 52.06% e, infine, 71.79%. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento