Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Colleferro, da città della cultura del Lazio a città europea dello spazio 2021-22

In un evento molto sentito è stato rimarcato il passaggio tra le due fasi. Una città che con forza guarda al futuro

 

Urbis Signum ha definito i segni connotanti di Colleferro Città della Cultura della Regione Lazio 2018 in occasione degli 85 anni dalla sua Fondazione, ed ha aperto al futuro con Città dello Spazio 2021-22 che ha riposto al centro del comprensorio la stessa città casilina a sud di Roma.

È stato questo il significato di una giornata che si è svolta in città con l’evento Urbis Signum che attraverso un catalogo di oggetti e di buone pratiche per lo spazio pubblico, progettate attraverso il metodo della missione fotografica e la ricerca tecnologica del cemento fotocatalitico di Italcementi, ha raccontato la genesi della collezione Morandiana, il progetto di arredo urbano identitario realizzato da Ri-Gymnasium per il complesso monumentale della Città Morandiana di Colleferro.

Tutto è cominciato da Piazza Italia dove il sindaco Pierluigi Sanna (nel video in alto ha sintetizzato l’importanza della giornata) questa importante iniziativa ed ha inaugurato l'installazione della missione fotografica al palazzo comunale e ha accompagnato gli ospiti a visitare il complesso monumentale città Morandiana, mostrando loro la collezione Morandiana di arredo urbano identitario. L'evento si è concluso al mercato coperto con la conferenza di sintesi dove è stato presentato il catalogo della collezione Morandiana e il video della missione fotografica.

Tra gli ospiti: i relatori Prof. Benedetto Todaro (direttore scientifico di Quasar Design University), Moreno Maggi (fotografo di architettura), Antonio Visceglia (filmaker), i produttori della collezione Morandiana Giorgio La Corte e Stefano Stringola, i progettisti Luca Calselli e Dario Biello. I saluti conclusivi sono stati di Emilia Della Guardia, presidente di Colleferro Commerciale, la rete di imprese che ha donato a Colleferro il catalogo di arredo urbano identitario.

Si è chiusa così la bellissima esperienza di città della Cultura, per iniziare una nuova avventura con lo spazio, ma intanto nel bel mezzo di questo e non solo per festeggiare gli 85 anni di nascita della città, ci saranno anche le nuove elezioni amministrative il prossimo settembre.

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento