Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Esami di Maturità 2020: la seconda giornata vissuta tra Frosinone e Ceccano

I pro e contro della Didattica a distanza, riscontrati da sei studenti e una docente, prima del maxi-colloquio, ‘storico’ per colpa del Coronavirus. Per i ragazzi il grande rimpianto di non aver vissuto appieno gli ultimi mesi tra i banchi di scuola

 

Il viaggio nell’universo ciociaro degli storici Esami di Maturità 2020, tra i racconti in arrivo dalle scuole di Frosinone e Sora, fa la sua tappa conclusiva nel Capoluogo per poi approdare nella confinante Ceccano. A parlare stavolta della propria esperienza con la preparazione e lo svolgimento del maxi-colloquio sono, dal lato frusinate, prima Arianna e Felicia dell’Istituto d’istruzione superiore Alessandro Volta e poi Benedetta e Giulia dell’IIS Luigi Angeloni. A seguire, sulla sponda fabraterna, Riccardo del Liceo Scientifico e Linguistico e Sabrina dell’Istituto Tecnico Economico, facente parte dell’IIS Ceccano assieme al locale IPSSEOA (Istituto professionale di Stato “Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera”), alias Alberghiero, e all’ITE di Ceprano. IIS Ceccano diretto dalla stessa Dirigente scolastica dell’IIS Angeloni, ovvero la Preside Alessandra Nardoni.

A fare le veci di quest’ultima, occupata con l’Esame di Stato che passerà alla storia per colpa del Coronavirus, e parlare delle misure di sicurezza nonché del “particolare evento” la Vicepreside dell’istituto ceccanese nonché Responsabile dell’ITE del posto, ossia la Prof.ssa Rosalba D’Amico. “La didattica a distanza - ne parla in conclusione la stessa D’Amico nel suo video-intervento – ha avuto e ha dei grandi limiti. Non può essere assolutamente paragonata alla vera didattica. La scuola è e rimane il luogo della socialità e, purtroppo, questa socialità al momento è molto limitata”. Gli studenti interpellati, dal canto loro, si dividono tra i pro e i contro della DaD, ma hanno tutti un grande rimpianto: non aver potuto vivere appieno, tra i banchi di scuola, gli ultimi mesi prima della Maturità.     

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento