Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO |Pet Therapy, Cesare e Stitch… quando i dottori hanno la coda

Al via il progetto che punta ad umanizzare le attività del reparto di pediatria e alleggerire la degenza in ospedale dei piccoli pazienti

 

Lo staff medico dei reparti di Pediatria degli Ospedali di Frosinone ed Alatri hanno due nuovi dottori… a 4 zampe. Il dr Cesare ed il dr Stitch da ieri fanno parte a tutti gli effetti del personale che aiuterà a star meglio i piccoli pazienti ricoverati. È stata infatti inaugurata la Pet Therapy all’interno dei due nosocomi della provincia che si svolgerà due volte a settimana, il mercoledì a Frosinone ed il giovedì ad Alatri, e già si è partiti con il piede, ops con la zampa giusta. Tra spazzolate, capriole e croccantini si è creata un’immediata sintonia anche con i pazienti che avevano un po’ di timore di avvicinarsi, ma Cesare e Stitch con la loro dolcezza hanno saputo conquistare i piccoli. Si tratta di due trovatelli che hanno trovato casa, ed un lavoro, grazie ad Ileana De Bernardis, coadiutore del cane in interventi assistiti con gli animali. Docente di sostegno, Ileana un anno e mezzo fa ha presentato il progetto per la Pet Therapy che da subito ha incontrato il favore ed il sostegno dei dirigenti della Asl Frusinate. Un anno e mezzo di lavoro che ha portato a questo importantissimo traguardo che punta ad umanizzare le attività del reparto di pediatria e alleggerire la degenza in ospedale.

Distrarre dal dolore

"Sembrerà strano ma è più umano un reparto che ha animali che vengono a distrarre i bambini che uno senza. La letteratura scientifica - ha spiegato il dottor Antonio Augusto Niccoli, responsabile Uoc Pediatria ‘F. Spaziani’ - ha dimostrato che quando il bambino vive il ricovero in un ambiente più tarato per la sua età, soprattutto se si è in presenza di animali da compagnia, in particolar modo il cane, ha un ricordo del vissuto meno negativo. Anche il semplice gioco riduce la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa legata a condizioni patologiche. Il passo avanti sarà quello di ‘utilizzare’ gli animali, grazie alla loro vicinanza, non solo in momenti ludici ma anche in momenti di tipo terapeutico, ad esempio per distrarli durante i prelievi del sangue. Si è visto che i piccoli pazienti avvertono molto meno dolore e questo è un aspetto fondamentale”.

È solo l'inizio...

“È solo l’inizio, questo progetto sarà esteso anche agli altri ospedali – ha annunciato il direttore sanitario Patrizia Magrini – Crediamo molto in questa iniziativa”. “Ringrazio – ha sottolineato Ileana De Bernardis – tutti coloro che mi hanno aiutato a rendere concreto questo progetto nato per valorizzare la mia Città: il Dottor Antonio Augusto Niccoli Primario di Pediatria, il Direttore Mauro Vicano, Il Dottor Soave che ha coordinato il grande e impagabile lavoro di Alessandro Britolli e della Dott.ssa Serena Conti, il Dottor Pavia della Asl Veterinaria, la Dott.ssa Martini, la Dirigenza tutta e la Farmacia Madonna Della Neve che ha finanziato il progetto a favore dell’Ospedale di Frosinone. Un grazie speciale va ai ragazzi della scuola media di Tecchiena che hanno realizzato dei simpatici portachiavi a forma di osso da vendere per contribuire all’iniziativa per l’ospedale di Alatri”.

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento