Martedì, 22 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Patrica, impianto tratta-rifiuti. Fiordalisio e Del Brocco invocano "rispetto per questa terra"

Il sindaco della cittadina ciociara e l'assessore all'Ambiente di Ceccano criticano la Regione Lazio alla vigilia della decisiva conferenza dei servizi sul nuovo insediamento in zona Cese-Asi. Intanto, però, spunta anche la valutazione negativa dell'Arpa

Nuove critiche alla Regione Lazio, in seno a un variegato "fronte del no", rispetto alla richiesta di realizzazione di un impianto privato di trattamento di rifiuti liquidi e solidi, pericolosi e non, nella località Cese di Patrica (Frosinone). Alla vigilia della terza ed ultima video seduta della Conferenza dei servizi, che si svolgerà domani mercoledì 20 gennaio alle 15, il sindaco della cittadina ciociara Lucio Fiordalisio ribadisce la sua forte contrarietà.

A ruota, dopo il suo lancio dell'hashtag "Rispetto per questa terra", anche l'assessore all'Ambiente della confinante Ceccano Riccardo Del Brocco (Fratelli d'Italia) si scaglia contro il Partito democratico regionale: il governatore del Lazio Nicola Zingaretti e, in quota Ciociaria, il presidente del Consiglio regionale Mauro Buschini e la consigliera regionale Sara Battisti.

Le critiche al Pd del duo Fiordalisio-Del Brocco

"Trovo assurdo - lamenta l'ex democrat Fiordalisio - come gli uffici della Regione Lazio, in questo anno pandemico in cui tutti hanno risentito di quello che è capitato, abbiano chiuso tutti i procedimenti con una velocità straordinaria. Io la mia idea ce l'ho ed è anche avallata dal silenzio di Mauro Buschini e Sara Battisti, che con timidezza all'inizio avevano preso parte alla battaglia promettendo una difesa ad oltranza ma che poi nel finale si sono dileguati". 

Gli fa eco l'assessore Del Brocco: "Il sindaco di Patrica Lucio Fiordalisio, insieme al sindaco (di Ceccano, ndr) Roberto Caligiore e al senatore Massimo Ruspandini, da anni portano avanti una battaglia sulle tematiche ambientali contro le scelte scellerate della Regione Lazio guidata da Zingaretti con la complicità di Mauro Buschini e del silenzio di Sara Battisti, infatti, stanno andando avanti decine di autorizzazioni sul nostro territorio, che oramai viene trattato come il 'distretto di rifiuti'. A queste politiche noi diciamo 'no' con forza, con grande determinazione, perché la provincia di Frosinone e la Valle del Sacco non possono diventare la pattumiera della Regione Lazio". 

Il restante "fronte del no" filo PD

Nel frattempo, comprensibilmente senza polemiche contro il PD, si sono registrati anche i pareri negativi delle limitrofe Supino e Morolo. Anche Antonio Pompeo, nella doppia veste di presidente della Provincia e sindaco di Ferentino, ha da tempo richiesto l'attuazione della della Legge Regionale 13/2019 (“Disciplina delle aree ad elevato rischio di crisi ambientale”). Resta il fatto che la Provincia non ha espresso parere di competenza sollevando criticità. L'Unità Impianti Lazio Centro Sud, dal canto suo, ha preteso il rispetto del vincolo in essere in una zona in cui non si potrebbe costruire nulla per via della presenza dell'elettrodotto.

Spunta anche la valutazione negativa dell'Arpa Lazio

Infine, non da ultima, la valutazione negativa dell'Arpa Lazio per via di "una serie di lacune - recita  - degli elaborati progettuali concernenti numerosi aspetti tecnologici e gestionali dell’installazione". In particolare:

  • la mancata definizione delle quantità e caratteristiche dei rifiuti che si intendono trattare singolarmente o in miscela, in relazione alle sostanze contaminanti in essi presentie alla necessità di garantire trattamenti pertinenti e efficaci;
  • la carenza di puntuali informazioni sulle modalità di adduzione dei rifiuti alle unità diformazione delle miscele e allesingole sezioni di trattamento; l
  • ’assenza di informazioni sullemodalità di conduzione dei sistemi di trattamento,che devono produrre scarichi a norma egarantire l’abbattimento delle sostanze contaminanti;
  • la carenza di precise informazioni sui sistemi dicontrollo dei processi adottatie della loro efficacia.

Lacune che, unitamente alle criticità evidenziate in relazione ai presidi ambientali previsti circa lo stoccaggio dei rifiuti, le gestione delle acque meteoriche, le emissioni in atmosfera ed il rumore, non consentono a parere di Arpa Lazio di verificare la conformità della proposta progettuale alla normativa ambientale vigente.

Copyright 2021 Citynews

Si parla di

Video popolari

VIDEO | Patrica, impianto tratta-rifiuti. Fiordalisio e Del Brocco invocano "rispetto per questa terra"

FrosinoneToday è in caricamento