Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Tav: Ciociaria e Cassinate, tra le offerte business, viaggiano ancora su due binari paralleli

Turriziani (Unindustria Frosinone): ‘Provincia baciata da infrastrutture’. Ma, se Papa (Cassino) guarda alla sinergia con Gaeta, Pigliacelli (Camera di commercio) si tiene strette le ‘Vacanze Ciociare’

 

Trenitalia, a seguito dell’attivazione delle fermate Tav di Frosinone e Cassino, ha lanciato una serie di agevolazioni riservate fino alla fine del 2020 al motore dell’economia del Lazio meridionale. L’offerta commerciale dedicata alle aziende associate a Unindustria, nonché all’intero universo di Confindustria, è stata presentata nel corso della conferenza stampa tenuta oggi, venerdì 10 luglio, presso la sede dell’Unione degli industriali e delle imprese della provincia di Frosinone.

Sono intervenuti, nell’occasione, i Presidenti di Unindustria Frosinone e Cassino Giovanni Turriziani e Davide Papa, il Presidente della Camera di commercio provinciale Marcello Pigliacelli e, in quota Trenitalia, il Responsabile delle vendite “long haul” (lungo raggio) Serafino Lo Piano e la Responsabile della vendita corporate digital PA e convenzioni Maria Paola De Rosa.

Offerte di Trenitalia a parte, Turriziani parla di un'occasione per l’intera provincia ma, se Papa guarda alla sinergia Cassino-Gaeta, Pigliacelli si tiene strette le sue “Vacanze ciociare”. Anche perché Ciociaria e Cassinate viaggiano ormai ad alta velocità, ma ancora su due binari paralleli. "Se Cassino si sente ancora Terra di Lavoro, se ne andasse a Caserta una volta per tutte", aveva detto d'altronde Pigliacelli in occasione del lancio del suo progetto made-in-Ciociaria. 

Turriziani: “Questa provincia è stata recentemente baciata dalle infrastrutture”

“La fermata Tav è importantissima per connettere la Ciociaria e tutta la provincia al resto del mondo - ha evidenziato Turriziani (Unindustria Frosinone) - Guardiamo alle città vicina, ma oggi con noi c’è il responsabile delle tratte a lungo raggio, quindi anche oltre l’Italia e l’Europa, senza trascurare tutte le altre tratte. Abbiamo un trasporto regionale molto efficiente, come il trasporto merci”.

“La Ciociaria ha tutte le possibilità per essere connessa dal punto di vista dei passeggeri e dal punto di vista delle aziende. Vediamo insieme a loro le offerte commerciali per le aziende e i loro dipendenti, e abbiamo una connettività con le merci. Dove c’è un’infrastruttura, c’è una crescita del Pil. Questa è la realtà dei fatti. Questa provincia è stata recentemente baciata dalle infrastrutture e, quindi, adesso sta a noi impegnarci per far crescere maggiormente il Pil”.

Papa: “Cassino e Gaeta, due città che possono tra loro far sinergia”

“L’opportunità si sfrutta soprattutto con i progetti che ci sono nella parte bassa del Lazio - ha detto Papa (Unindustria Cassino) - Proprio sul territorio Cassino-Gaeta, non a caso, si è parlato molto di turismo. Gaeta, che oggi è la nostra città più rappresentativa nella parte sud del Lazio, potrebbe avere un ulteriore vantaggio. Abbiamo un progetto importante. Stiamo cercando di far sì che la città di Cassino, sviluppata tantissimo dal punto di vista industriale, possa dialogare in maniera incredibile con la città di Gaeta. Secondo me, sono due città che possono tra loro far sinergia. Si possono sfruttare il turismo da una parte e le imprese dall’altra”.

“Tutto ciò si può sposare anche con il progetto sul porto di Gaeta, che è stato già potenziato e stiamo appresso a ulteriori progetti di ampliamento attraverso alcune nostre aziende associate. Ricordo poi a tutti che è da poco uscito sui media il fatto che la nostra Università di Cassino, in modo particolare ingegneria, è tra le migliori università al mondo. Immaginate solo attraverso l’Alta Velocità quanta gente può arrivare in più su un territorio come il nostro, sfruttando anche l’università oltre al turismo e alle aziende, a un costo decisamente più basso rispetto alle città più lontane. Io ritengo che sia un’opportunità incredibile e sono fermamente convinto che grazie a questo progetto si potrà sicuramente alzare il Pil del nostro territorio che da tempo, purtroppo, vacilla. Forse abbiamo un’opportunità che non dobbiamo assolutamente sprecare”.

Lo Piano: “Offerte per aziende, ma anche per turisti”

“Trenitalia - ha sottolineato Lo Piano (Vendite ‘long haul’) - mette in campo delle promozioni turistiche che vanno verso il sostegno di un territorio che ha un turismo di diversa gamma: termale, enogastronomico, sportivo e religioso. Un territorio vasto che, con le iniziative che mettiamo in campo, cerchiamo di far conoscere, più di quanto sia già conosciuto, a quegli italiani che, in particolar modo dopo questo periodo, si vogliono muovere sulla nostra penisola. È importante spingere non soltanto le grandi destinazioni, ma anche le destinazioni che non rientrano nei circuiti classici del nostro Paese. Questo è il tema turistico”.

“Dall’altra parte, c’è il business, ossia le persone che si muovono per lavoro. Queste fermate fatte a Frosinone e Cassino consentono di muoversi verso destinazioni come Roma in circa un’ora fino ad arrivare intorno alle 11 a Milano, una città industriale. Questo permette una connettività diretta verso il nord e consente anche alle aziende che hanno operazioni commerciali sul territorio di arrivare qua. Questo si va a integrare, ovviamente, con il trasporto regionale, che offre molti collegamenti, e in un sistema”.

“Stiamo lavorando con l’Unione degli industriali per promuovere i nostri accordi commerciali, che facciamo nei confronti delle aziende ma anche nei confronti del turista. Ci vuole una forte energia di squadra da parte del territorio per cercare di spingere un collegamento che è stato messo da pochissimo e che noi ci auguriamo che possa portare sostegno al territorio, numeri aggiuntivi in una zona del Paese che secondo me ha delle grandissime potenzialità e diverse tipologie di business, che vanno dal turismo alla parte commerciale e industriale”.

Il botta e risposta Papa-Pigliacelli durante la conferenza stampa

Al Presidente Pigliacelli (Camera di commercio Frosinone), dopo aver parlato degli sconti del 20% nelle strutture ricettive territoriali e di 5 euro sui biglietti Tav per chi sceglie di visitare i tesori della provincia – rientranti nel progetto “Vacanze Ciociare”, promosso attraverso il portale “Come in Ciociaria” – è stato rivolta una domanda “velenosa” dal Presidente Papa (Unindustria Cassino): “Di tutto il turismo che si può fare su Scauri, Formia, Gaeta, Sperlonga e quant’altro, dove i turisti arriverebbero sempre per Cassino, devo far parlare con la Camera di commercio di Latina per aver una cosa del genere?”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per replicare questo progetto ci vuole la testa, anzi due teste - ha replicato Pigliacelli - L’anno prossimo sì. La prima volta che ci siamo visti con Lo Piano mi ha guardato un po’ storto, come a dire ‘questo progetto da dove è uscito?’. È stato fatto in un mese e mezzo, sapendo benissimo che la legge avrebbe vinto e, quindi, le due Camere di commercio (Frosinone e Latina, ndr) si sarebbero unite. Per riposizionare le due offerte, terra e mare. Vediamo se poi quest’anno riusciamo a bilanciare le due offerte, ma per il momento è così, perché questo è veramente un bel sogno”.

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento