Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ticket Cotral, iniziata la seconda fase. Autisti controllori e obbligo di convalidare anche gli abbonamenti. Ecco come funziona

Dai primi di gennaio 2019 gli utenti di Cotral sono obbligati ad obliterare anche gli abbonamenti prima di salire a bordo. E gli autisti sono anche controllori

 

Continua anche nel 2019 la “rivoluzione” ticket della azienda regionale dei trasporti pubblici su gomma Cotral. Dai giorni successivi alle festività i viaggiatori dei famosi bus blu sono obbligati ad obliterare anche gli abbonamenti prima di salire a bordo. E gli autisti sono anche controllori. Si sale solo dalla porta anteriore, si mostra il titolo di viaggio e si oblitera.

All’estero è la normalità da molti anni

La normalità in molti paesi europei come riporta romatoday.it, ma qui (a Roma e nel Lazio), per farla diventare tale bisogna lavorare un po’ di più. Ed è quello che sta provando a fare Cotral. Dal 2017 con una campagna di sensibilizzazione sul tema dell’evasione e con l’introduzione dell’autista controllore in alcune prime linee. Iniziativa ora entrata nella sua seconda fase: “L’obbligo di obliterare anche gli abbonamenti ha principalmente due motivazioni - spiega la presidente di Cotral, Amalia Colaceci (video in alto) - prima di tutto perchè solo così l’autista può essere certo che il titolo di viaggio sia carico, e poi perché ci occorre avere i dati certi per la futura dematerializzazione dei biglietti, il prossimo passo a cui stiamo lavorando”.

L’obiettivo è quello soprattutto di coinvolgere i clienti nella lotta all’evasione tariffaria, sensibilizzandoli sulle buone pratiche di utilizzo del servizio. Con gli autisti controllori forniti del patentino di “polizia amministrativa” rilasciato dalla Regione Lazio: “In questo modo sono in grado di fare multe laddove ci sia un passeggero privo di biglietto e di venderglielo - conclude Colaceci - le contravvenzioni non sono certo l’obbiettivo dell’azienda, ma è giusto che gli utenti sappiano che Cotral li controllerà”.


Per ulteriori Info Romatoday.it

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento