Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Beccati in A1 con oltre 1.7 Mln di farmaci in auto, si danno alla fuga a piedi

I due ladri, provenienti dalla Campania, erano quasi riusciti a tornare a casa ma sono stati intercettati dagli agenti della Polizia Stradale in territorio di Ceprano

 

La Polizia Stradale di Frosinone ha arrestato due persone di origine napoletane ritenute responsabili di furto aggravato di farmaci salvavita sottratti alla farmacia interna dell’Ospedale di Osimo (Ancona). I poliziotti della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone al Km.628 sud della A/1 territorio comune di Ceccano, intimavano l’alt per un normale controllo, ad una Jeep Renegade con due  persone  a bordo, la quale invece  fermarsi, accelerava dandosi a precipitosa fuga.

Dopo un repentino inseguimento, con l’ausilio di altra pattuglia, si riusciva a fermare l’auto alla chilometrica 638 nel comune di Ceprano. Il passeggero si dava immediatamente alla fuga, verso l’esterno della carreggiata autostradale, ma prontamente inseguito veniva bloccato, così come il conducente.

All’interno della Jeep venivano rinvenuti farmaci “salva vita” per un valore commerciale di euro 1.796.423,15 risultati rubati poco prima presso la farmacia interna dell’Ospedale di Osimo (AN), forzando l’inferriata della stessa con arnesi atti allo scasso, rinvenuti nella Jeep, unitamente al biglietto di ingresso autostradale del casello Osimo-Ancona sud.

Un uomo di anni 44, sul quale pende anche una misura cautelare di obbligo di presentazione, e uno di anni 49 entrambi nati e residenti a Napoli venivano su disposizione dell’A.G. competente arrestati per furto aggravato e condotti presso la locale casa circondariale. L’ingente quantitativo del materiale trafugato ha creato non pochi problemi di approvvigionamento e distribuzione a discapito della salute di pazienti, vista anche l’importanza  dei medicinali, tutti salvavita. L’ingente e prezioso bottino è stato restituito al suddetto ospedale.

Copyright 2019 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento