Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Coronavirus in Ciociaria, guarito e… Sindaco per un giorno: il “Leone” è tornato a casa

“Nei giorni più freddi, ho sentito il calore di tutta la cittadinanza”. Così Michele Rossi, invitato a lanciare un appello e a offrire la sua testimonianza dal Primo Cittadino di Piedimonte San Germano Gioacchino Ferdinandi

 

“Proprio oggi (domenica 5 aprile, ndr), in coincidenza con la Domenica delle Palme, è un momento importante perché forse tutti non lo sanno, e proprio per questo ho scelto di farlo qui in aula consiliare - ha dichiarato il Sindaco di Piedimonte San Germano Gioacchino Ferdinandi nel suo odierno video-intervento – Il nostro “Leone” Michele Rossi (ingegnere FCA, ndr) è tornato a casa dai suoi familiari. È riuscito a sconfiggere questo virus. È un ragazzo poco più grande di me, 42 anni. Ha lottato tenacemente ed oggi è qui, a Piedimonte. Ed è qui, proprio nell’aula consiliare, per testimoniare quello che ha subito sconfiggendo questo virus, che in un certo senso cova alle spalle di ciascuno di noi”. A seguire la consegna della fascia tricolore al 'Sindaco per un giorno' – "Tu sei un cittadino acquisito - ha ricordato lo stesso Ferdinandi - ma tutta la città si è stretta attorno a te" – che ha lanciato un appello all’intera comunità, affinché limiti le uscite allo stretto necessario, e offerto una testimonianza che vale davvero molto più di mille hashtag e richiami. 

Il Sindaco di Piedimonte SG Gioacchino Ferdinandi consegna la fascia tricolore al guarito Michele Rossi-2

La testimonianza di Michele Rossi

“Nei giorni più freddi, ho sentito il calore di tutta la cittadinanza di Piedimonte San Germano. Veramente un ringraziamento di cuore a tutti - ha premesso - Io, che ho 42 anni, ho dovuto lottare per far sì che questo ‘mostro’, io lo chiamo così, andasse via da me. Dall’inizio, appena ho avuto un piccolo sospetto, sono stato attento, sono stato a casa e ho seguito tutte le procedure. Si cambia e si peggiora come si migliora dalla mattina alle sera, quindi quello che posso dirvi è di stare attenti e, al primo sintomo, di contattare subito il medico di base, che è attualmente il nostro ‘consigliere’ e ‘tutore’. Per chi mi conosce bene - ha detto in conclusione lo stesso Michele Rossi, dopo l’ennesimo invito alla razionalità – sa che avevo un po’ di pancia, quindi avevo qualche chilo in più. Si perdono tantissimi chili, come potete vedere, ed è veramente una cosa anche triste da raccontare e difficile da spiegare”.    

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento