Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Maltempo, il Liri fa paura, le cascate uno spettacolo fuori della norma

Con il passare delle ore inizia a farsi pesante il bilancio dell’ondata di maltempo che va avanti da giorni. In alcuni paesi chiuse le scuole per la giornata di lunedì 18

 

Con il passare delle ore la situazione in Ciociaria e nelle zone a sud di Roma si fa sempre più difficile dopo la nottata tra sabato e domenica caratterizzata dal forte vento e dalla sempre abbondante pioggia. Nel cuore della Ciociaria nel sorano e nella Valle del Liri, il fiume che dà il nome alla zona, inizia a fare paura con il livello dell’acqua che in alcuni tratti è cresciuto di oltre un metro in poche ore. Nel centro di Isola del Liri le maestose cascate stanno dando spettacolo ma per il momento sono sotto controllo. Nel video in alto tratto dalla pagina facebook scorrendo con il Liri e postato dall’utente Angry si vede bene l’impetuosità del corso d’acqua. Numerosi i curiosi, oltre ai volontari della protezione civile ed agli uomini delle forze dell’ordine che stanno presidiando la zona.

Al lavoro per togliere gli alberi sotto al Ponte di Napoli a Sora

"Dalle ore 15 si stanno rimuovendo i tronchi arrestatisi sotto il ponte di Napoli e sotto il ponte Cavalieri di Vittorio Veneto a Sora - spiega il sinda De Donatis -  In ragione di un bollettino meteo aggiornato alle prossime 24/36 ore che rappresenta ancora situazioni di criticità da gestire continueremo a monitorare l’evoluzione dell’evento in costante contatto con il consorzio del Fucino. Nel frattempo mi preme sottolineare ancora una volta il solerte lavoro della polizia municipale, dei volontari della protezione civile, degli uffici e degli amministratori presenti, per aver predisposto controlli e azioni legate all’emergenza". 

Ad Anagni e Sgurgola scuole chiuse. Diverse strade invase dal fango

Nel nord della Ciociaria e per la precisione ad Anagni ed alla Sgurgola a preoccupare sono gli allagamenti delle strade e l’ingrossamento dei corsi d’acqua. I due sindaci ha annunciato in via precauzionale la chiusura delle scuole per la giornata di lunedì 18 novembre con appaosita ordinanza. “A causa del maltempo e delle criticità riscontrate sulle arterie viarie (foto in basso), con le previsioni meteo che annunciano piogge forti previste nelle prossime ore, ho emesso Ordinanza per la chiusura di tutte le scuole e degli istituti di istruzione di ogni ordine e grado ed asili nido siti sul territorio comunale di Anagni per la giornata di domani, lunedì 18 novembre 2019”. Il primo cittadino di Anagni aveva ringraziato le forze dell’ordine e i volontari della protezione civile per il lavoro che stanno svolgento. “I tecnici comunali ed i volontari del Radio Soccorso Anagni e dell'Associazione Nazionale Carabinieri sono a lavoro per mettere in sicurezza le varie zone della città colpite dal maltempo e ripristinare la viabilità sulle strade interessate da eventi franosi.

Al sud, nel cassinate, caduti gli alberi sulle strade

Il sindaco Daniele Natalia, che segue dal C.O.C. di Via Carlo Alberto Dalla Chiesa gli interventi, dichiara: "Mi preme ringraziare tutti i dipendenti comunali riuniti nel Centro Operativo Comunale e quelli che sono sul campo per risolvere nel più breve tempo possibile la crisi assieme ai volontari del Radio Soccorso Anagni e dell'Associazione Nazionale Carabinieri ed ai consiglieri comunali Cardinali, Naretti e Ambrosetti. Eventi di questa entità non sono prevedibili, ci troviamo di fronte ad una situazione straordinaria cui stiamo ponendo rimedio nel miglior modo possibile grazie anche all'attivazione del piano di sicurezza comunale. Bisognerà comunque intervenire a stretto giro - a partire da domani di fatto - monitorando la situazione e, in caso, diffidando i frontisti a risolvere, per quanto di loro competenza, la questione dell'irregimentazione delle acque. Questo perché occorre prevenire gli ordinari allagamenti delle strade che vanno ad aggravare la situazione generale quando si verificano eventi straordinari della portata di questi giorni".

Ad Alatri grosse crepe su via Magliano dove sono intervenuti i tecnici comunali con della breccia per cercare di tamponare la situazione. Il percorso della circolare subirà le seguenti modifiche: a Circolare giunta su Via Magliano, svolterà a sx per Via Accorciatoia Magliano, al depuratore svolterà a dx per Via Carano, all'incrocio effettuerà una manovra e riprenderà il percorso normale.

La nota del sistema dei consorzi di Bonifica

Il Lazio in ginocchio. Dal nord al sud. L’intensità delle piogge e la violenza del vento che nel fine settimana hanno colpito indistintamente tutte le province hanno lasciato una scia di devastazione e danneggiamenti ovunque, causando allagamenti, disagi e difficoltà nei centri urbani e nelle zone rurali.

Gravi difficoltà anche in provincia di Frosinone, dove i fiumi sono in piena e vengono tenuti costantemente monitorati. Il Consorzio di Bonifica Lazio Sud Est (nato dai precedenti Valle del Liri, Conca di Sora e A Sud di Anagni) ha eseguito interventi ovunque, da Anagni fino alle campagne di Pontecorvo e Cassino. A Cervaro una squadra del Consorzio Valle del Liri è intervenuta in località Foresta per la disostruzione di un ponte. Esondati diversi canali, con allagamento di alcune attività produttive nel pontecorvese. “Strutture e impianti dei Consorzi stanno lavorando da giorni a pieno regime. Le idrovore, sottoposte in estate a lavori di manutenzione e sostituzione di pezzi, sono sotto stress, ma hanno retto bene. Grazie alla presenza capillare sul territorio e alla mobilitazione generale di tutto il personale – aggiunge Andrea Renna, direttore di Anbi Lazio – siamo intervenuti con immediatezza lì dove si sono presentate emergenze. Nelle prossime ore terremo un vertice con i dirigenti di tutti i Consorzi per fare il punto sulle conseguenze e per programmare gli interventi di ripristino delle condizioni di massima sicurezza del territorio e della viabilità stradale. Estremamente preziosa anche adesso si è rivelata la cabina di regia che vede impegnate insieme Anbi e Regione Lazio.

Con l’Amministrazione, l’Ufficio di Gabinetto e i Dipartimenti stiamo condividendo un percorso di globale ristrutturazione degli enti di bonifica destinati a diventare presidi centrali delle politiche regionali per la difesa del suolo, la gestione delle acque e per la salvaguardia delle risorse ambientali. Saremo presto chiamati a sostenere un ulteriore sforzo operativo ed economico. Dovremo ripetere – conclude Renna – le attività già eseguite in estate per tenere pulita la rete scolante e liberare gli alvei di fiumi e canali della vasta rete idrografica regionale. I danni sono ingenti. Sembra che le autorità regionali vogliano prendere in considerazione anche l’ipotesi di richiedere il riconoscimento della calamità naturale”.

La nota del consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli (Cambiamo)

“Il maltempo delle ultime ore ha creato danni incalcolabili per la provincia di Frosinone, in particolar modo per il Basso Lazio, in cui se ne contano di gravissimi: alberi in strada, passaggi allagati, difficoltà per i commercianti. È stata danneggiata addirittura la “Signora del Vento” di Gaeta, veliero simbolo di un’intera comunità. Molte imbarcazioni sono state spostate dal vento sulla terra ferma creando aggravi ingenti. Inoltre diversi i treni bloccati, e le frane determinate da questa ondata davvero paurosa. Particolarmente colpito i comuni di Pontecorvo (la provinciale Ravano) Esperia e Cassino. Domani mattina sarà mia premura scrivere al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti per chiedere il riconoscimento dei danni e lo stanziamento di fondi per ripristinare la corretta funzionalità delle strade e risarcire tutti coloro che hanno subito danni gravissimi”.

Copyright 2019 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento