menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fucile rinvenuto

Fucile rinvenuto

Cassino, intervento dei carabinieri che hanno salvato un professore universitario caduto in un vicolo nel centro della città

Nella notte scorsa,  perveniva alla Centrale operativa della Compagnia Carabinieri di Cassino una richiesta di aiuto da parte di un professore universitario residente a Pisa, il quale riferiva di essere caduto accidentalmente mentre passeggiava...

Nella notte scorsa, perveniva alla Centrale operativa della Compagnia Carabinieri di Cassino una richiesta di aiuto da parte di un professore universitario residente a Pisa, il quale riferiva di essere caduto accidentalmente mentre passeggiava lungo un marciapiede del centro abitato di Cassino. Lo stesso aggiungeva di non essere in grado di precisare il luogo ove si trovasse e chiedeva di essere soccorso poiché non in grado di muoversi. L'operatore di turno, dalle poche informazioni ricevute dal malcapitato, riusciva immediatamente ad individuare il posto dell'accaduto ed ad inviare una pattuglia del NORM che poco dopo lo soccorreva in una stradina poco illuminata del centro. Sul luogo veniva fatto intervenire il personale del 118 che provvedeva a trasportare il professore presso il pronto soccorso dell'ospedale di Cassino ove i sanitari, a causa delle lesioni riportate, lo trasferivano presso il reparto di ortopedia dell'ospedale di Frosinone;

PICINISCO-VILLA SANTA LUCIA, ARRESTATO ALLEVATORE PER DETENZIONE DI ARMI NON DENUNCIATE Fucile rinvenuto In Picinisco e Villa Latina, i militari della Stazione di Picinisco, traevano in arresto nella flagranza dei reati di "detenzione illegale di armi e munizioni e per la loro ricettazione", un allevatore 48enne. Nell'ambito delle attività predisposte dal Comando della Compagnia di Cassino, volte a fermare il fenomeno della caccia di frodo e delle conseguenti stragi di cani per avvelenamento, venivano effettuati serrati controlli nei confronti dei detentori di armi da caccia su alcuni abitanti della Valle del Comino. A tal proposito, nel corso di una perquisizione domiciliare eseguita dai militari del Comando Stazione Carabinieri di Picinisco presso un capannone adibito a stalla sito in quel comune, un allevatore di 48enne di Villa Latina veniva trovato in possesso di un fucile monocanna cal.36 e numerose cartucce di calibro 32 e 12, illegalmente detenute. Il ritrovamento del suddetto munizionamento, di calibro diverso rispetto all'arma rinvenuta, faceva insospettire oltremodo gli operanti che estendevano la perquisizione anche presso il domicilio del prevenuto sito nel comune limitrofo di Villa Latina. Durante la successiva perquisizione i Carabinieri rinvenivano, nascosto all'interno del camino, un fucile sovrapposto cal.12, il cui calibro corrispondeva al munizionamento precedentemente ritrovato, che tuttavia presentava la matricola abrasa sia sul castello che sulle canne. Nella circostanza veniva rinvenuto un altro fucile ad aria compressa cal. 4.5, relativo munizionamento e numerose cartucce per arma da fuoco, di vario calibro Oltre alla detenzione di un'arma dalla matricola abrasa e quindi illegale, l'interessato risultava sprovvisto anche della relativa licenza per la detenzione o il porto delle restanti armi e munizionamenti rinvenuti e, per tali motivi, stante la flagranza dei reati, veniva immediatamente tratto in arresto e sottoposto agli arresti domiciliari; CEPRANO, DENUNCIATO UN 57ENNE DI CECCANO PER SPENDITA DI MONETE FALSE

Ceprano, i militari della locale Stazione, traevano in arresto un 57enne di Ceccano perché ritenuto responsabile del reato di "tentata spendita e introduzione nello stato di monete falsificate". I militari operanti accertavano che il prevenuto aveva tentato di perfezionare degli acquisti all'interno di un esercizio pubblico del luogo, pagando con una banconota da euro 50,00, palesemente contraffatta. La conseguente perquisizione personale permetteva di rinvenire ulteriori nr.2 banconote da euro 50,00 palesemente contraffatte e grammi 2,5 di sostanza stupefacente del tipo "hashish", pertanto veniva anche segnalato alla competente Autorità amministrativa quale assuntore di stupefacenti. L'arrestato, dopo le formalità di rito, veniva sottoposto agli arresti domiciliari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento