CassinateToday

Cassino, presso il Cosilam entro fine mese sarà costituito il comitato tecnico-scintifico per il progetto Apea

Entro la fine del mese sarà costituito il comitato tecnico-scientifico per l’elaborazione del Progetto Apea. È quanto emerso nel corso dell’incontro che si è svolto questa mattina al Cosilam.

bdr

Entro la fine del mese sarà costituito il comitato tecnico-scientifico per l’elaborazione del Progetto Apea. È quanto emerso nel corso dell’incontro che si è svolto questa mattina al Cosilam. Un appuntamento incentrato sul Progetto delle Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate. Le possibilità di miglioramento e i vantaggi per le aziende sono innumerevoli. Tra gli altri quelli di avere una corsia preferenziale nei finanziamenti regionali ed europei. Infatti ben il 70% dei finanziamenti europei riguardano gli ambiti di competenza dell’Apea, ovvero ecosostenibilità, efficientamento energetico, innovazione tecnologica. Inoltre le aziende facenti parte dell’Apea, utilizzando fonti di energia “pulita” e processi ecosostenibili, saranno automaticamente certificate per la fornitura di beni e servizi alle pubbliche amministrazioni. Infine potranno disporre di energia pulita a costi ridotti rispetto a quelli delle fonti tradizionali. Con le giuste condizioni questi costi potranno addirittura ridursi a zero.

“Un percorso, quello di Apea, che abbiamo avviato qualche mese fa con un’attività di verifica del reale interesse del territorio verso questa progettualità – ha affermato il Presidente del Cosilam Pietro Zola - Proprio per questa ragione ad aprile organizzammo un incontro qui al Consorzio per presentare le linee guida generali del progetto Apea agli imprenditori. La risposta da parte di alcune aziende è stata positiva e hanno manifestato la propria volontà nel voler partecipare a tale iniziativa.Il Cosilam è intenzionato a portare avanti il proprio progetto per un’Apea interamente dedicata al Lazio meridionale, ma è pronto anche a collaborare per la creazione di un progetto a livello provinciale. Due iniziative distinte ma che hanno un comune obiettivo: aiutare al rilancio delle imprese. Ora si entra nella seconda fase, quella operativa.Il nostro obiettivo è quello di creare una rete istituzionale dove ognuno ha un proprio ruolo e compito da svolgere. Se si lavora divisi non si riuscirà mai a raggiungere nessun obiettivo. Solo l’unità, la condivisione, la sinergia tra istituzioni può dare giusti e importanti risultati. Per questo ringrazio tutti coloro che hanno partecipato alla riunione del tavolo istituzionale di questa mattina”.

All’incontro erano presenti, tra gli altri, il dottor Graziano Cerasi in rappresentanza dell’Assessore Regionale Mauro Buschini, i Consiglieri Regionali Marino Fardelli, Daniela Bianchi e Mario Abbruzzese, il Rettore dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale prof. Giovanni Betta, il Presidente della Camera di Commercio di Frosinone Marcello Pigliacelli, il Consigliere Provinciale Massimiliano Mignanelli in rappresentanza del Presidente Pompeo, il Presidente del Palmer prof. Paolo Vigo e i rappresentanti di Confimprese Italia, Unindustria Frosinone, FederLazio Frosinone e CNA Frosinone.

TAVOLO APEA: LAZIO MERIDIONALE PUO' DIVENTARE PRIMA AREA PRODUTTIVA ECOLOGICA

Buona l'intenzione espressa con il tavolo sulle Apea convocato dal Presidente Zola per far nascere la prima area produttiva ecologicamente attrezzata (APEA) nel Lazio meridionale, e in particolare nell’area di Cassino. In questa fase il compito più importante spetta al Consorzio industriale del Cosilam che deve pianificare il percorso, coinvolgere le aziende e dare un ruolo centrale all’Università di Cassino. L'ateneo deve essere il vero pivot di quest’operazione.

Così Daniela Bianchi, Consigliera Regionale del Lazio (Gruppo Insieme), prima firmataria della Proposta di Legge Regionale sulle Apea e componente della Commissione Sviluppo alla Pisana intervenuta al tavolo sull'APEA tenutosi stamattina a Cassino e organizzato dal Consorzio Industriale del Cosilam.

L’obiettivo delle APEA infatti non è la semplice attrazione di nuovi fondi per le imprese, ma cambiare il modo di produrre, innovare un territorio e attivare un riposizionamento competitivo che guardi all'industria ma anche al turismo, al commercio. Come designato nella Proposta di Legge regionale sulle Apea che mi vede come prima firmataria, le aree prodttive ecologiche permettono alle aziende di mettersi insieme per dar vita ad un’economia circolare, dove la produzione è sostenibile, dove l’energia e le infrastrutture sono condivise e dove la burocrazia è azzerata. Inoltre c’è una forte innovazione sociale portata avanti dalle imprese stesse, con ad esempio, asili nido aziendali e trasporti sostenibili per i dipendenti. Stesso approccio può valere anche per altri settori dell'economia, come quello turistico, in cui imprese e soggetti si mettono insieme per contribuire alla tutela e alla crescita economica del territorio. La Regione sulle APEA già si è mossa - spiega Bianchi - approvando le linee guida e stanziando per queste aree 30 mln di euro sui 150 del Piano di Rindustrializzazione. Adesso tocca al territorio fare la propria parte con coraggio e abbandonando vecchie logiche che in questi anni si sono concentrate più su nomi e poltrone che sulle cose da fare. La disponibilità del Cosilam e del Presidente Zola verso le APEA è un segnale positivo che deve portare a trasformare i Consorzi Industriali da semplici enti di controllo e gestione, ad enti che pianificano lo sviluppo. Auspico che dopo questa riunione preliminare si entri subito nel vivo, e fin da adesso metto a disposizione il lavoro fatto in questi anni. Visti anche i segnali arrivati da altri territori, spero anche che il Consiglio possa calendarizzare al più presto la Proposta di Legge sulle Apea. CONFIMPRESA: PROGETTO APEA GRANDE OPPORTUNITÀ “Il progetto Apea è una grande opportunità per tutto il territorio del Lazio meridionale. Un territorio che, a differenza di ciò che si può pensare, non comprende solo il Cassinate ma bensì le province di Frosinone e Latina. Oggi siamo un passo avanti rispetto agli altri e abbiamo l’opportunità di realizzare un progetto che sia inclusivo di tutti gli attori presenti oggi. Ritengo sia importante procedere subito alla costituzione della commissione operativa che lavori alla realizzazione del progetto guardando con attenzione anche alle Apsea realizzate in Toscana e che hanno puntato molto anche sulla componente sociale. Ci sono le basi, ci sono gli intenti, ora è fondamentale entrare nella fase operativa. Confimprese Italia conferma la propria disponibilità a partecipare all’iniziativa”, lo ha affermato il Presidente di Confinprese Italia Guido D’Amico a margine dell'incontro che si è svolto al Cosilam sul progetto Apea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento