CassinateToday

Frosinone, nel servizio coordinato provinciale un arresto e 10 persone denunciate

Nella decorsa notte, il Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone ha predisposto un servizio coordinato per il controllo del territorio finalizzato a:

Nella decorsa notte, il Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone ha predisposto un servizio coordinato per il controllo del territorio finalizzato a:

- assicurare una capillare vigilanza delle aree particolarmente colpite dal fenomeno dei reati predatori;

- controllare pregiudicati, persone sospette, detenuti agli arresti domiciliari ed extracomunitari;

- localizzare latitanti, refurtiva, esplosivi/armi/munizioni e sostanze stupefacenti.

Tale attività che ha visto l’impiego di nr. 54 militari e nr. 27 automezzi, ha permesso di conseguire i seguenti risultati:

  • persone arrestate nr.1;
  • persone denunciate in stato di libertà nr.10;
  • persone segnalate alla Prefettura per uso personale di stupefacenti nr.2;
  • proposte per irrogazione del F.V.O. nr.9;
  • persone controllate nr. 203;
  • veicoli controllati nr. 155;
  • attività commerciali controllate nr.2;
  • perquisizioni personali, veicolari e domiciliari eseguite nr.3;
  • sostanze stupefacenti sequestrate gr.3 di cocaina;
  • documenti di guida e di circolazione ritirati nr.4 ;
  • contravvenzioni elevate nr. 16;

In particolare si è proceduto:

IN FROSINONE

- i militari del NORM della locale Compagnia, unitamente a quelli della Stazione di Ceccano, hanno proceduto a:

denunciare in stato di libertà:

- quattro giovani residenti in provincia, per guida in stato di ebbrezza alcolica, poiché sorpresi alla guida di autoveicoli con un tasso alcolemico superiore a quello previsto dalle vigenti normative. Documenti di guida ritirati;

- tre giovani, cittadini romeni domiciliati a Roma, per possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli. Gli stessi sono stati trovati in possesso di oggetti atti allo scasso, sottoposti a sequestro.

A carico dei predetti è stata altresì avanzata la proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione del F.V.O.

- un 29enne di Ceccano, per violazione delle prescrizioni imposte dalla Questura di Frosinone. Lo stesso è stato controllato mentre si aggirava per le vie di questo capoluogo in violazione dell’obbligo di permanere nella propria abitazione nelle ore notturne;

segnalare quale assuntori di sostanze stupefacenti:

- un 28enne ed un 23enne di Ceccano, poiché trovati in possesso complessivamente di gr.3 di sostanza stupefacente del tipo cocaina, sottoposta a sequestro.

Nel corso del servizio, è stata altresì avanzata la proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione del F.V.O. a carico di un 30enne ed una 39enne residenti nella provincia di Latina, poiché sorpresi aggirarsi in zona residenziale di questo capoluogo senza giustificato motivo.

IN CASSINO

- i militari dell’Aliquota Radiomobile della locale Compagnia, lungo la S.R. 630 Ausonia hanno proceduto al controllo di un Alfa 156 il cui conducente alla vista degli operanti aveva vistosamente rallentato la marcia e nel tentativo di sottrarsi al controllo cercava di svoltare in una stradina laterale. Tale manovra non passava inosservata ai carabinieri, che provvedevano a bloccarla identificando il conducente un anni 59, di nazionalità Macedone. Questi, al fine di ingannare gli operanti esibiva un documento di identità in cui lo stesso risultava svolgere l’attività di dirigente d’azienda. Dal controllo alla banca dati in uso alle forze di Polizia, emergeva a suo carico un decreto di latitanza emesso in data 11.01.2016 scaturito da un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dalla Corte di Appello di Roma in accoglimento di una richiesta di estradizione avanzata dal Governo della Repubblica della Macedonia, dovendo lo stesso scontare in quello Stato una condanna di anni tre e mesi sei di reclusione per il reato di truffa.

Espletate le formalità di rito, l’uomo è stato tratto in arresto ed associato alla locale Casa circondariale di Cassino.

- nell’ambito dello stesso servizio è stato deferito in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e false dichiarazioni sulla propria identità personale, un 38enne, residente nel Cassinate, già censito. L’uomo è stato controllato a bordo di un autovettura unitamente ad altri due giovani. Stante l’atteggiamento sospetto assunto e le false generalità fornite dal 38enne, i tre sono stati sottoposti a perquisizione personale che ha consentito di rinvenire, all’interno di un borsello portato a tracolla dal denunciato, due boccette per totale gr. 54 circa di liquido che, all’esame “narcotest” è risultato contenere tracce di eroina. Quanto rinvenuto è stato posto sotto sequestro.

- deferito in stato di libertà un 34enne partenopeo, già censito, per inosservanza provvedimento dell’Autorità di P.S., poiché sorpreso nel centro abitato di Cassino inadempiente al divieto di far ritorno in quel comune per anni .tre

- avanzata la proposta per l’applicazione della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio a carico di un 32enne campano, già censito ed un 31enne di cittadinanza rumena, che venivano notati aggirarsi con atteggiamento sospetto, nei pressi di esercizi commerciali del centro di Cassino.

IN PICINISCO:

- avanzata la proposta per l’applicazione della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno in quel comune per anni tre, a carico un 28enne di nazionalità rumena, già censito, che veniva sorpreso mentre si aggirava in atteggiamento sospetto per le vie del piccolo centro della Valle di Comino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Cassino, bruciano le auto di un imprenditore: l'incendio è doloso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento