CassinateToday

Regione, Buschini: “Firmato decreto per 5 nuovi primari presso l’Asl di Frosinone”

“Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha firmato un nuovo decreto per l’assunzione di 5 primari presso l’Asl di Frosinone.

“Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha firmato un nuovo decreto per l’assunzione di 5 primari presso l’Asl di Frosinone. Dopo 10 anni di blocco, continua il lavoro della Regione per aumentare il personale sanitario in servizio nei nostri ospedali e per garantire il funzionamento di servizi essenziali per la sanità del Lazio: l’aver subito negli anni un drastico taglio della forza lavoro ha inciso sulla qualità dei servizi, ma finalmente si torna ad investire sul personale medico, facendo sì che le nostre strutture possano contare su nuova linfa e maggiore efficienza. Le cinque nomine a Direttore di una struttura operativa complessa garantiranno, infatti, una gestione più efficace delle risorse a disposizione, dando certezza operativa e qualificata ai reparti. Il tempo dei sacrifici per il nostro territorio è alle spalle, siamo tornati ad assumere a tempo indeterminato e lo facciamo secondo una logica di programmazione e pianificazione delle attività intervenendo dove insistono maggiori criticità”. Lo dichiara in una nota l’Assessore Regionale Mauro Buschini.

“Una sanità migliore passa anche attraverso un aumento dei livelli di prevenzione. E nel Lazio, anche in questo caso, siamo sulla strada giusta: nel periodo 2013-2016 sono raddoppiati gli inviti dei Programmi di Screening Oncologici della nostra Regione, e il numero dei test effettuati è in continuo aumento (da 275mila nel 2013 a 447 nel 2016).Già nel 2015 il risultato dell’attività di screening ha permesso il raggiungimento della soglia Lea per i tumori alla mammella, mentre la stessa soglia è stata raggiunta nel 2016 anche per l’attività di screening riguardante i tumori della cervice uterina. Numeri che testimoniamo ulteriormente la bontà del lavoro che si sta svolgendo per la sanità. Certo che permangono alcune criticità, ma finalmente ci sono notizie positive per i cittadini perché miglioriamo i servizi alle persone e rispettiamo gli impegni presi”.

SANITA, ABBRUZZESE (FI): TAC CASSINO ROTTA E IL PEZZO ARRIVA DA NORD ITALIA. SIAMO ALLE COMICHE

"Nonostante i continui annunci, in ciociaria la sanita è davvero in tilt. Parole, promesse, impegni presi e molto spesso non mantenuti: queste sono alcune caratteristiche principali delle politiche sanitarie di questi anni. Per non parlare poi della questione del commissario asl, con tanto di ricorsi al tar. E intanto, i cittadini continuano a incontrare pesanti difficolta, senza che ci sia stato alcun miglioramento significativo. In questi ultimi giorni sembra piovere sul bagnato, dato che la tac a Cassino è rotta. Ma la risposta della asl rasenta per certi versi il grottesco, quando afferma che il macchinario verra riparato e si sta attendendo un pezzo dal nord italia" . Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, consigliere regionale di Forza Italia del Lazio e presidente della Commissione Speciale Riforme Isituzionali.

"Dal nord Italia? Noi ci auguriamo davvero che certi disagi non si ripetano piu in futuro, considerato che è assurdo dover tenere un macchinario inutilizzato per settimana, in attesa del ricambio. Credo che con un’adeguata programmazione, certi ritardi e simili inconvenienti si potrebbero prevenire. È vero che con Zingaretti non ci meravigliamo piu di nulla, soprattutto in ambito sanitario, pero auspichiamo che ci sia veramente un cambio di passo, poiche la misura è veramente colma.Servono interventi seri, concreti e studiati in base alle esigenze dei singoli territori. Basta chiacchiere. Con la salute non so scherza è ora di prendere le cose sul serio e di faee i fatti. Quelli veri e se non i è in grado di farlo si manifesri pubblicamente la propria incapacita. Ma nel caso del governo regionale è stata gia accertata da tutti". Ha concluso Abbruzzese.

BIANCHI, BANDI STARTUP DA 4 MLN DI EURO: SOSTEGNO INNOVAZIONE PER NON PERDERE TRENO DELL'INDUSTRIA 4.0 CON STARTUP INNOVATIVE NASCE ECONOMIA LOCALE FORTE E INDIPENDENTE

Con 4 milioni di euro destinate alle startup la Regione continua a sostiene l’innovazione nel Lazio, uno dei modi che abbiamo per non perdere il treno dell’industria 4.0. Puntare sulle imprese innovative infatti significa rendere la nostra economia più forte, migliorare la qualità della vita delle città e dare un’opportunità reale ai giovani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Così Daniela Bianchi, consigliera regionale del Lazio e componente dell'VIII Commissione Consiliare "sviluppo, PMI, ricerca" Un primo bando da 1,5 mln di euro a fondo perduto aiuterà la fase di avvio delle startup innovative, con un sostegno che andrà dai 10mila ai 30mila euro a progetto. L’altro bando, lo spin-off di ricerca, finanzierà le startup legate al mondo della ricerca, con un finanziamento che andrà dai 30mila euro ai 100mila euro. Questo tipo di startup dovrà avere almeno un socio innovatore, cioè un ricercatore in grado di portare la sua esperienza all’interno dell’impresa. Le domande potranno essere inviate a partire dal 20 aprile e resteranno a disposizione fino al loro all'esaurimento. Tutte le informazioni sul sito www.lazioinnova.it Così Daniela Bianchi, consigliera regionale del Lazio e componente dell'VIII Commissione Consiliare "sviluppo, PMI, ricerca" -I due nuovi bandi - spiega la Consigliera - saranno finanziati ogni anno fino al 2020 e fanno parte del progetto regionale sulle startup da 100 milioni di euro provenienti dalla programmazione UE. Un progetto che punta a fare del Lazio l’area più competitiva e innovativa d’Europa. Stiamo lavorando a creare un ecosistema che metta finalmente in connessione Università, realtà industriali, centri culturali e una generazione di universitari e ricercatori a cui negli anni è stato negato esprimere il proprio valore.

-Questo non vuol dire che tutti i nostri ragazzi dovranno diventare startupper per trovare lavoro - chiarisce Bianchi - La funzione delle startup è quella di creare nuovi prodotti e servizi, brevetti e idee utili al sistema produttivo. Tutta conoscenza che potrà essere usata al meglio dalle attuali e future imprese in settori strategici come ad esempio il farmaceutico, l’aerospaziale, le produzioni culturali, l'accoglienza e il turismo

La capacità di innovare delle startup può diventare un patrimonio comune su cui costruire un’intera economia locale, senza aspettare che sia qualcun altro a dirci che tipo di futuro avere. Investire sulle startup rende i territori forti e indipendenti, liberi di seguire le proprie vocazioni e peculiarità. Ecco perché - conclude la Consigliera - sono convinta che la proposta di legge che ho depositato in Consiglio legata alla nascita dei distretti culturali evoluti possa rendere ancora più incisive le azioni regionali e dare la capacità ai territori di adottare delle vere politiche di innovazione. OSTIA, BONAFONI (SI – SEL): “DA INCONTRO CON IL PREFETTO VULPIANI EMERSE LINEE OPERATIVE DEL COMMISSARIAMENTO” “Ho incontrato oggi il Commissario prefettizio di Ostia, Domenico Vulpiani, per affrontare il tema del Commissariamento del X municipio e della sua incidenza sulla vita dei cittadini. E' stato un colloquio molto utile, dal quale è emerso con tutta chiarezza quanto solo ora si stiano effettivamente raccogliendo i frutti di un lavoro commissariale che ha necessitato di tempi e strumenti per entrare nella fase operativa. Una fase resa ancora più difficile dalla mancanza di forze adeguate, soprattutto in termini di personale, a disposizione del commissario. Forze che finalmente sono state integrate grazie all'arrivo di quattro unità operative in più nello staff amministrativo, che stanno consentendo di chiudere bandi di gara lasciati in sospeso, progetti che puntino all'innovazione, al risparmio, alla razionalizzazione, al corretto funzionamento non solo della macchina amministrativa e alla messa a regime di tutti quei servizi essenziali per i cittadini. Si tratta di risultati importanti, alcuni dei quali già raggiunti, altri che verranno portati a termine nel breve e medio periodo e consentiranno di superare questa fase di difficile transizione per il municipio, faseche ha indubbiamente pesato sulla vita quotidiana dei cittadini. Risultati che si traducono in maggiore trasparenza degli atti, grazie anche alle tecnologie e alla riorganizzazione degli archivi informatici, nella ricognizione delle spiagge e delle concessioni in scadenza, dando comunque continuità ai progetti di inclusione sociale ed evitando ripercussioni occupazionali, nelle demolizioni dei chioschi abusivi di Capocotta. Il prefetto ci ha rassicurato anche sulla prossima uscita dei bandi sul sociale e sulla cultura, a cui gli uffici stanno lavorando, così come è già stato per l'affidamento delle palestre e ha illustrato i risultati raggiunti per la messa in sicurezza del bacino del Fosse del Fontanile, con relativa bonifica delle aree a rischio idrogeologico, della pulizia delle discariche abusive, in collaborazione con l'Ama e l'ufficio Ambiente e della pubblicazione del bando di gara per la manutenzione delle strade. Abbiamo poi parlato dell'abbattimento del lungomuro in cemento e soprattutto dei due km di pista ciclabile sul lungomare per creare un percorso attrezzato. Questo sarà reso possibile grazie a un bando regionale vinto dal municipio che consentirà di investirefondi per il litorale laziale. Infine con il prefetto abbiamo fatto il punto sulle infiltrazione e sul l'insediamento delle mafie, sia nella macchina amministrativa che nelle attività economiche, e sulla battaglia forte tra gli organi amministrativi e i gestori degli stabilimenti per il rispetto delle regole e abbiamo convenuto circa la necessità di tenere aggiornata la cittadinanza sul lavoro che si sta portando a termine. L'obiettivo è quello di arrivare alla fine del commissariamento, previsto per il prossimo settembre, con una macchina amministrativa improntata alla legalità e con una concreta eredità, in termini di servizi per il cittadino e riappropriazione degli spazi pubblici, che possa durare nel tempo”. E' quanto afferma la consigliera regionale Si-Sel, Marta Bonafoni, vice presidente della Commissione regionale sulle infiltrazioni mafiose e lotta alla criminalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento