CassinateToday

Regione, lavoro; Abbruzzese (FI): questa volta si seguano veramente i processi legati alla riqualificazione industriale Ciociaria

"Considerati gli scarsi risultati prodotti dal primo accordo di programma su cui, credo il presidente della Provincia Antonio Pompeo debba illustrare le ricadute positive sul territorio in termini economico-occupazionali, auspico che il nuovo...

"Considerati gli scarsi risultati prodotti dal primo accordo di programma su cui, credo il presidente della Provincia Antonio Pompeo debba illustrare le ricadute positive sul territorio in termini economico-occupazionali, auspico che il nuovo tavolo insediatosi ieri possa seguire e monitorare attentamente tutti i processi che riguardano la riconversione industriale di questo territorio e che dovrebbero portare entro la fine dell'anno alla firma di un nuovo accordo di programma". Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, consigliere regionale di Forza Italia del Lazio e presidente della Commissione Speciale, Riforme Istituzionali.

"Mentre negli altri territori si percepiscono pur minimi segnali di ripresa, che comunque non testimoniano la soluzione delle criticità relative alla congiuntura economica negativa, in provincia di Frosinone la cassa integrazione aumenta del 40 %, segnale tangibile di una crisi del lavoro e delle aziende che sembra irreversibile. Tale situazione risulta incresciosa in virtù del fatto che della desertificazione industriale della ciociaria se ne è discusso parecchio e non sappiamo nulla sugli eventuali effetti positivi derivanti dai provvedimenti necessari a superare questo stato di crisi, come il primo accordo di programma per l'area Frosinone-Anagni. Consultando i dati che abbiamo sull'occupazione e sull'aumento delle ore di cig parrebbe che la situazione non stia migliorando, anzi.

E' abbastanza palese che il nuovo organismo insediatosi in questi giorni a seguito del Decreto del Mise sulla definizione dell'area di crisi complessa, come del resto il sottoscritto predica da anni, debba seguire attentamente i processi legati alla riqualificazione industriale del territorio, ma soprattutto verifichi che gli interventi siano consoni alle vere esigenze della Ciociaria. Specialmente i PRRI, ovvero i Progetti di riconversione e riqualificazione industriale connessi. Fermo restando che i giovani e gli ex lavoratori attendono sempre provvedimenti concreti e che ai tavoli pensa sempre Ikea, leader mondiale in questo settore". Ha concluso Abbruzzese.

SANITA; CASSINO; ABBRUZZESE (FI): AL SANTA SCOLASTICA TAC ROTTA DA UNA SETTIMA.

"Da una settimana la Tac dell'ospedale Santa Scolastica a di Cassino risulta essere rotta e la ditta non può fare manutenzione perché manca la convenzione. Al peggio non c'e mai fine, sono incalcolabili i danni per il servizo e per i pazienti che sono costretti a rivolgersi altrove, anche fuori Regione". Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese consigliere regionale di Forza Italia del Lazio e presidente della Commissione Speciale Riforme Isituzionali.

"Questa è la riorganizzazione in atto, a detta di qualche illuso esponente di centro sinistra, presso una delle principali strutture sanitarie del Lazio meridionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rimango senza parole, Zingaretti continua a girare la Regione LAZIO tagliando nastri qua e là senza muovere un dito per cambiare le sorti della sanita del territorio. Il Santa Scolastica di Cassino e classificato come Dea di I livello ma è palese e sotto gli occhi di tutti che arranca a gestire la semplice quotidianità a causa della chiusura di alcuni reparti, ma soprattutto, per colpa della carenza di personale. Purtroppo ogni tanto sentiamo qualche personaggio colpito da "anonnuncite zingarettiana" che avverte l'arrivo a breve di due o tre infermieri, ma omette che la stessa quantità sta andando in pensione, quindi il saldo è uguale a zero. Servono interventi seri, concreti e studiati in base alle esigenze dei singoli territori. Basta chiacchiere. Con la salute non so scherza è ora di prendere le cose sul serio e di faee i fatti. Quelli veri e se non i è in grado di farlo si manifesri pubblicamente la propria incapacita. Ma nel casl del governo regionale è stata gia accertata da tutti". Ha concluso Abbruzzese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento