menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Veroli, i carabinieri sono dovuti intervenire per fermare un lancio di uova contro un pullman Cotral, che ha evitato un incidente. Denunciati in sei di cui tre minorenni

Veroli, i militari della locale Stazione, a termine di attività investigativa deferivano in stato di libertà nr.6 (sei) giovani (tre dei quali minorenni)  per il reato di “attentato alla sicurezza dei trasporti, in concorso”. I predetti nella...

Veroli, i militari della locale Stazione, a termine di attività investigativa deferivano in stato di libertà nr.6 (sei) giovani (tre dei quali minorenni) per il reato di "attentato alla sicurezza dei trasporti, in concorso". I predetti nella serata di ieri lanciavano alcune uova all'indirizzo di un pullman di linea della COTRAL diretto verso il capoluogo, con a bordo una decina di passeggeri. Il conducente del mezzo, spaventato dall'urto improvviso delle uova che si frantumavano sul parabrezza determinando scarsa visibilità, era costretto ad effettuare un brusco scarto laterale, riuscendo ad evitare la collisione con altro mezzo proveniente dalla direzione opposta. I militari operanti, immediatamente intervenuti, rintracciavano ed identificavano gli autori del gesto, trovati in possesso di ulteriori uova che venivano sottoposte a sequestro

SORA, ALLONTANATI DUE ROMENI CON FARE SOSPETTO

Sora, i militari del NORM della locale Compagnia, nel corso di servizi di controllo del territorio finalizzati al contrasto dei reati contro il patrimonio, intercettavano e controllavano due cittadini rumeni già censiti, mentre si aggiravano con fare sospetto nei pressi di abitazioni isolate di quel Centro. Ricorrendone i presupposti di legge, gli stessi venivano proposti per l'irrogazione del Foglio di Via Obbligatorio con divieto di ritorno in quel Comune per anni tre;

AQUINO, DENUNCIATO UN 72 ENNE PER EVASIONE DAI DOMICILIARI

Aquino, i carabinieri della locale Stazione, deferivano in stato di libertà un 72enne del posto, poiché ritenuto responsabile del reato di "evasione". L'attività investigativa sviluppata dai militari operanti consentiva di accertare che il predetto, già sottoposto in regime di detenzione domiciliare per il reato di "associazione di tipo mafioso", si era più volte allontanato dalla propria abitazione senza la preventiva autorizzazione;

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento