Martedì, 26 Ottobre 2021
Acuto Cassino

Paliano- Anagni- Sgurgola-Acuto, scattano denunce rimpatrii e multe per il codice della strada

Nelle decorse notti del 24 e 25 novembre 2016, i militari del NORM della Compagnia di Anagni e delle stazioni dipendenti effettuavano un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in genere. Al...

Nelle decorse notti del 24 e 25 novembre 2016, i militari del NORM della Compagnia di Anagni e delle stazioni dipendenti effettuavano un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in genere. Al termine venivano conseguiti i seguenti risultati:

  • in Paliano, venivano deferiti in stato di libertà:

- un 38enne, di nazionalità marocchina, per guida sotto l'effetto di stupefacenti ed ebbrezza alcolica. Lo stesso, da accertamenti esperiti risultava avere un tasso alcolemico cinque volte superiore al consentito, nonché aver assunto sostanza stupefacente tipo "cocaina";

- una 21enne ed una 25enne, entrambe di nazionalità romena, già censite per reati specifici, per "inosservanza del provvedimento di rimpatrio con foglio di via obbligatorio". Le stesse, meretrici e già destinatarie di foglio di via obbligatorio, venivano sorprese lungo la via Casilina; emergeva, altresì, che lo scorso anno per lo stesso reato erano già state denunciate ben otto volte;

- un 24enne ed un 22enne, entrambi provenienti dall'hinterland napoletano e già censiti per reati contro il patrimonio, in quanto resisi responsabili del commercio di prodotti contraffatti in concorso. I due venivano trovati in possesso di nr. 45 confezioni di profumi di varie marche palesemente contraffatte che venivano sottoposte a sequestro.

  • in Anagni, veniva deferito in stato di libertà un 58enne del luogo per inosservanza di provvedimenti dell'Autorità, in quanto sebbene in regime di detenzione domiciliare, veniva trovato in compagnia di persone gravate da pregiudizi di polizia;
  • in Acuto, veniva deferito in stato di libertà un 45enne, residente nella capitale, per guida in stato di ebbrezza alcolica. Lo stesso risultava avere un tasso alcolemico pari al doppio del consentito.
Nell'ambito dello stesso contesto operativo, venivano identificate e controllate numerose persone e nei confronti di 8 esse, 4 provenienti dal napoletano, 2 dalla capitale e le restanti 2 dalla provincia di Frosinone(tutte censite per reati vari con il patrimonio e la persona), le quali si aggiravano con fare sospetto nei pressi di abitazioni ed attività commerciali, ricorrendone i presupposti veniva inoltrata la proposta per l'irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, con divieto di ritorno per anni tre nei rispettivi comuni della giurisdizione. Venivano altresì elevate n° 13 contravvenzioni per infrazioni al Codice della Strada. Nella serata di ieri, in Sgurgola,personale della locale Stazione Carabinieri, nel corso di un predisposto servizio di controllo del territorio, deferiva in stato di libertà una 53enneresidente nella capitale, per "favoreggiamento dell'immigrazione clandestina". La predetta concedeva in locazione la propria abitazione ad un immigrato senegalese, irregolarmente presente sul territorio nazionale in quanto colpito da provvedimento di espulsione emesso e notificato in pari data dalla Questura di Roma, risalente al settembre del 2010. Gli operanti, procedevano altresì nei confronti del cittadino straniero deferendolo all'A.G. per il reato di "inosservanza di provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale". CASSINO, DENUNCIATA OPERATRICE OSPEDALE PER FURTO Nella giornata odierna, in Cassino, i militari della locale Stazione Carabinieri, a conclusione di attività di indagine, deferivano in stato di libertà una operatrice socio-sanitaria per il reato di furto aggravato. Gli operanti, chiamati ad intervenire presso una struttura sanitaria del luogo, accertavano che una donna, ivi ricoverata per le cure del caso, allontanatasi dalla camera da letto aveva lasciato il proprio borsello contenente denaro e documenti personali all'interno della stanza e nel rientrare aveva verificato l'ammanco di ?uro 20,00 circa. L'attività espletata, consentiva di giungere all'identificazione della responsabile del furto nei cui confronti si procedeva deferendola alla competente A.G..
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paliano- Anagni- Sgurgola-Acuto, scattano denunce rimpatrii e multe per il codice della strada

FrosinoneToday è in caricamento