menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Roma, minicomuni a rischio scomparsa: forse e’ solo uno scherzo.

Il coordinatore del Lazio dell’Anci Francesco Chiucchiorlotto, ritorna sulla proposta di legge che va sotto il nome del primo firmatario Lodolini seguito da altri 19 deputati del Pd, che all’art.1 modificherebbe il testo unico sugli enti locali...

Il coordinatore del Lazio dell'Anci Francesco Chiucchiorlotto, ritorna sulla proposta di legge che va sotto il nome del primo firmatario Lodolini seguito da altri 19 deputati del Pd, che all'art.1 modificherebbe il testo unico sugli enti locali sancendo la lapidaria sentenza che: "Un comune non può avere una popolazione inferiore a 5000 abitanti". L'art. 2 prevede la fusione obbligatoria, che se non scelta volontariamente, verrà attuata dalle Regioni; l'art.3 dimezza i trasferimenti erariali alle Regioni non adempienti. "Ora con tutti guai che abbiamo - commenta Chiucchiorlotto - la proposta non potrebbe che suscitare sorrisi di compatimento o qualche metaforica pernacchia: ma qualche riflessione sarebbe bene farla. Intanto capire perché proprio nel Pd, in contrasto con la propria ricordata tradizione di sinistra, si raccolga una pattuglia di deputati che mettono insieme in un sol colpo, autoritarismo statuale velleitario, spregio della Costituzione, superficialità e disinformazione, populismo di bassissimo conio.

Gli 8.003 comuni italiani non sono né tanti né troppi accanto ai 12.900 tedeschi, 36.700 francesi, 8100 spagnoli e via elencando; la particolare orografia dell'Italia ha nei secoli costruito aggregazioni ottimali con propria storia, identità, tradizioni, tipicità, eccellenze, che sono alla base delle forme più diffuse del made in Italy; seimila circa di essi sono amministrati da volontari a costi risibili o inesistenti; negli ultimi 15 anni hanno subito tagli dieci volte superiori agli altri comparti pubblici. Non è dimostrato, anzi lo è il contrario, che la dimensione demografica costituisca risparmio o servizi efficienti; l'associazionismo delle funzioni e dei servizi è una cosa seria e da

praticare, ma non con obblighi assurdi o direttive sommarie. Il Novecento ci ha fornito esempi tragici di chirurgia socialee politica; di chirurgia istituzionale non se ne sentiva proprio il bisogno; siccome la proposta è sta presentata in pieno periodo di Carnevale, prendiamola come uno scherzo" (Unionturismo news).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento