Nord CiociariaToday

Alatri, il 31 gennaio 2017 scade il piano casa lazio.

Il Piano Casa ha portato solo vantaggi: miglioramento del patrimonio edilizio esistente,  senza consumo del suolo e con l'applicazione,  da parte del comune di Alatri, del massimo degli sgravi per gli oneri concessori.

Il Piano Casa ha portato solo vantaggi: miglioramento del patrimonio edilizio esistente, senza consumo del suolo e con l'applicazione, da parte del comune di Alatri, del massimo degli sgravi per gli oneri concessori.

Nonostante le pressioni di gran parte dei rappresentanti di settore e delle amministrazioni locali ad oggi sembra che l'Assessore Regionale Civita, sia intenzionato a non prorogare ulteriormente la scadenza della legge regionale n.21 dell'11/8/2009.

Il Piano Casa nasce con il decreto legislativo n. 112 del 25 giugno 2008 ed è entrato in vigore nel 2009, data da cui ogni Regione si è attivata per adeguare la propria normativa in materia urbanistica, osservando le indicazioni generali contenute del decreto di riferimento e poi declinandole alle particolarità del proprio territorio, ed ognuna ha una sua scadenza precisa

Il piano casa è stata una opportunità normativa che consente di ampliare e migliorare gli edifici esistenti e che ha ottenuto in questi anni di applicazione un duplice risultato: quello di sostenere e di rilanciare il settore edile in grande difficoltà e che rappresenta il settore economico maggiormente rilevante, per gettito e numero di occupati, sul territorio comunale; nel contempo le centinaia di pratiche approvate hanno dato modo di soddisfare le cresciute esigenze abitative delle nostre famiglie. Senza contare, infine, i benefici che le entrate eccezionali provenienti dagli oneri di costruzione hanno portato alle casse comunali, anche se dovuti in forma ridotta del 30%, come coraggiosamente applicati nel nostro comune. Tutto questo nell'assoluto rispetto dei vincoli e delle leggi, ma soprattutto nell'ottica di conservazione del territorio, poiché gli interventi consentiti sono solo quelli sul patrimonio esistente e quindi non consumano ulteriore suolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' per tutta questa serie di considerazioni che ci sentiamo di unirci al coro di coloro che, numerosi, chiedono a gran voce una proroga dei termini di scadenza del Piano casa. Riteniamo che la Regione debba farsi partecipe delle istanze dei territori, che sono molteplici e diverse è vero, ma che, se accomunate dallo stesso spirito e dalle stesse finalità, rappresentano una indicazione univoca e assolutamente da rispettare, oltretutto quelle che nella fattispecie consentono di risolvere autonomamente il problema abitativo, senza incidere sulle casse pubbliche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento