Nord CiociariaToday

Alatri, tenta di uccidere la madre con il dorso di una scure ricoverata in grave condizioni all’Umberto 1° di Roma

Alatri,  militari dipendenti della Compagnia  CC di Alatri,  traevano arresto in flagranza reato, un 32enne, di nazionalità  albanese e residente in Alatri da molti anni, poiché resosi responsabile del reato di “tentato omicidio” nei  confronti ...

Alatri, militari dipendenti della Compagnia CC di Alatri, traevano arresto in flagranza reato, un 32enne, di nazionalità albanese e residente in Alatri da molti anni, poiché resosi responsabile del reato di “tentato omicidio” nei confronti della madre, che poco prima tentava di uccidere inferendole numerosi colpi al capo con il dorso di una scure, procurandole gravi lesioni.

L’uomo, dopo tale gesto, tentava il suicidio recidendosi il polso sinistro e colpendosi più volte al cranio con la medesima arma. L’insano azione, presumibilmente, sarebbe riconducibile allo stato depressivo originato da problematiche occupazionali.

La donna, che versa in pericolo di vita, veniva immediatamente trasportata presso il policlinico Umberto I° di Roma, ove trovasi anche l’arrestato per i dovuti accertamenti sanitari

Alatri, i militari del N.O.R.M. - Aliquota Radiomobile della Compagnia di Alatri, nell’ambito di un predisposto servizio per il controllo del territorio, finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, intercettavano 3 persone ( 2 di Ceccano e l’ultimo di Piglio), mentre si aggiravano senza giustificato motivo e con fare sospetto nei pressi di isolate abitazioni site in zona periferica del predetto Comune.

Nei confronti delle stesse, ricorrendone i presupposti di legge, sono state inoltrate le proposte per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con f.v.o., con divieto di ritorno nel Comune di Alatri per anni tre.

Fiuggi, i militari della locale Stazione, nell’ambito di un predisposto servizio per il controllo del territorio, finalizzato a contrastare il consumo e lo spaccio di sostanze stupefacenti , traevano in arresto un 39 enne del luogo poiché resosi responsabile del reato di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”. Lo stesso, fermato dai militari operanti, mentre percorreva a piedi le vie della cittadina Termale e, successivamente sottoposto a perquisizione personale, veniva trovato in possesso di nr. 10 involucri contenenti ognuno sostanza stupefacente del tipo “hashish”, per un totale di gr. 20, occultati all’interno della propria giacca. Sostanza stupefacente rinvenuta sottoposta a sequestro

COMPAGNIA DI ANAGNI

Anagni, i militari della locale Stazione, traevano in arresto un 46enne, domiciliato nella “città dei Papi”, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Roma, poiché ritenuto responsabile del reato di “ tentata estorsione aggravata in concorso”.

Acuto, i militari della locale Stazione, nell’ambito di specifica attività finalizzata a contrastare il consumo e lo spaccio di sostanze stupefacenti , segnalavano all’ufficio territoriale del governo di Frosinone, due giovani del luogo, poiché ritenuti responsabili di “detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale non terapeutico”. Gli stessi , venivano trovati in possesso di modica quantità di “marijuana”. Quanto rinvenuto in loro possesso veniva, nel medesimo contesto operativo, sottoposto a sequestro

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le scarpe della Lidl vanno a ruba anche a Frosinone: sold out in pochi minuti

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Paliano, è morto l’imprenditore Umberto Schina

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Tentato omicidio in viale Mazzini, ecco cosa c'è dietro la tragedia di ieri notte

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento