Alatri

Lettera aperta a Babbo Natale dai figli dei pendolari

Caro Babbo Natale, noi figli dei pendolari anche questo anno siamo stati buoni e crediamo di meritare, come gli altri bambini, i regali tradizionali di queste festività.

Caro Babbo Natale,

noi figli dei pendolari anche questo anno siamo stati buoni e crediamo di meritare, come gli altri bambini, i regali tradizionali di queste festività.

Per questa volta però rinunceremmo volentieri ai giocattoli, in cambio di qualche momento di allegria che nelle nostre case, purtroppo, non si verifica tanto frequentemente.

Vuole sapere il perché?

I nostri genitori, mamme o papà, sono pendolari che si sobbarcano ogni giorno decine e decine di chilometri sia sui treni che sui pullman Regionali.

Lei si chiederà: cos'ha che fare questo con la mancanza di serenità?

E' facile spiegarlo:

purtroppo la situazione dei trasporti è così carente che i nostri genitori, tra scioperi, soppressioni

di corse, ritardi, rotture di treni ed altre disavventure del genere, rientrano a casa quasi ogni giorno esasperati e non hanno più tempo né voglia di donarci le carezze e i sorrisi che gli altri genitori, non pendolari, scambiano con i loro figli.

Cosa Le chiediamo?:

d'intervenire presso chi gestisce il trasporto pubblico affinchè faccia diminuire un po' i disagi e permettere così che nel 2014 i nostri genitori possano rientrare a casa, sereni e contenti come tutti gli altri genitori del Mondo.

Auguri caro Babbo Natale, di ogni felicità.

i figli dei pendolari

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lettera aperta a Babbo Natale dai figli dei pendolari

FrosinoneToday è in caricamento