Nord CiociariaToday

Regione, in commissione Sanità gli ospedali della Ciociaria

I sindaci dei Comuni di Alatri, Cassino, Frosinone e Sora hanno incontrato in Consiglio regionale il direttore generale della Asl di Frosinone, Isabella Mastrobuono, e il responsabile della cabina di regia del Sistema sanitario regionale, Alessio...

Lena ecc

I sindaci dei Comuni di Alatri, Cassino, Frosinone e Sora hanno incontrato in Consiglio regionale il direttore generale della Asl di Frosinone, Isabella Mastrobuono, e il responsabile della cabina di regia del Sistema sanitario regionale, Alessio

D'Amato. L'occasione è stata l'audizione convocata dal presidente della commissione Politiche sociali e Salute, Rodolfo Lena (Pd), sulla situazione della sanità ciociara.

Il vicepresidente Antonello Aurigemma (Pdl-Fi) ha così motivato la necessità dell'incontro: "Da maggio a oggi abbiamo raccolto ripetuti allarmi per una mancanza di pianificazione, che ha gettato nello sconforto cittadini e professionisti sanitari. Abbiamo quindi voluto favorire un faccia a faccia chiarificatore tra gli amministratori locali e i vertici della sanità regionale".

Il suo collega di partito Mario Abbruzzese si è quindi detto preoccupato della riduzione del volume di attività di alcuni reparti: "Non vediamo una luce in fondo al tunnel e ci vediamo costretti a intraprendere azioni forti sul territorio per tutelare il diritto alla salute dei nostri concittadini".

Mario Buschini, del Partito Democratico, ha voluto storicizzare la sofferenza patita dalla sanità della provincia di Frosinone: "Paghiamo la scellerata scelta delle macroaree assunta dall'allora commissario Polverini, che ha di fatto depotenziato le province a vantaggio della città di Roma".

Una situazione che, a giudizio del consigliere del Movimento 5 stelle Davide Barillari, "finisce per favorire il ricorso al settore privato, a fronte di risposte tardive ed evasive da parte dei vertici della sanità regionale, pur a 15 mesi dall'insediamento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Maria Teresa Petrangolini (Per il Lazio) ha infine sottolineato quanto sia centrale la buona organizzazione del personale per offrire il miglior servizio possibile: "Apprendiamo che tanti professionisti sono in malattia da lungo periodo o hanno diritto a un minore aggravio, non garantendo ad esempio i turni di notte. Non serve quindi aggrapparsi all'apertura del reparto in sé, se non si affronta con decisione anche il problema della gestione di chi lavora per il Ssr".

Circostanze, queste ultime, confermate dal direttore generale Isabella Mastrobuono, che nel suo intervento ha evidenziato alcune peculiarità dalla propria azienda sanitaria: "Il livello di contenzioso con i dipendenti è altissimo e rischia di paralizzare interi settorid'attività; inoltre ci confrontiamo con un evidente squilibrio dei carichi di lavoro: professionisti assenti o esentati da compiti gravosi convivono con medici e infermieri con settimane di ferie non ancora godute in virtù della loro abnegazione che non li porta a lasciare mai sguarniti i propri reparti. E' solo per garantire il diritto alle ferie di questi lavoratori che abbiamo calendarizzato gli interventi chirurgici durante il periodo estivo, come fanno tutte le strutture ospedaliere". Sentite le parti, Alessio D'Amato ha annunciato per il mese di settembre una conferenza sanitaria provinciale con il commissario Zingaretti per fornire tutte le risposte dovute alla cittadinanza. "Nelle scelte finora intraprese - ha dichiarato - ci siamo posti soprattutto l'obiettivo dell'innalzamento della qualità dei servizi offerti. Nessuna riduzione di posti letto è prevista nei presidi ospedalieri della provincia. Anzi, tutti i presidi avranno una tendenza all'aumento. Sarà però importante non creare doppioni e favorire processi di razionalizzazione. Detto questo, ogni rivoluzione passa attraverso il consenso, soprattutto dei lavoratori. Perciò chiedo alla direzione generale di favorire quanto più possibile processi di condivisione e concertazione. "Abbiamo ricevuto delle importanti risposte sulla programmazione a medio lungo termine - ha commentato al termine dell'audizione il presidente Rodolfo Lena - ma è nell'immediato che bisognerà trovare soluzioni soddisfacenti per tutti. Oggi abbiamo una situazione in cui la metà dei parti, delle chemioterapie e degli interventi chirurgici viene effettuata fuori dalla provincia di Frosinone, prevalentemente sulla città di Roma. Queste criticità si contrastano con la piena integrazione tra ospedali e servizi sociosanitari territoriali, come stiamo già prevedendo nei nostri Piani operativi, che saranno presentati alla Commissione il prossimo 4 agosto dal commissario Zingaretti in persona". La seduta odierna della commissione Politiche sociali e Salute è quindi proseguita con una audizione sull'assistenza domiciliare (presente il dirigente dell'Area Autorizzazioni e accreditamenti, Giorgio Spunticchia) e sul servizio di Neuropsichiatria infantile del policlinico Umberto I di Roma (alla presenza del direttore generale Domenico Alessio, del direttore sanitario Amalia Allocca, del professore Vincenzo Leuzzi) . È stato assicurato che l’attuale accorpamento della struttura di via dei Sabelli all'interno del Policlinico è da ritenersi un provvedimento temporaneo, limitato al periodo estivo, e che sono in arrivo 5 nuovi medici con contratto a tempo determinato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento