Il giovane è stato massacrato a calci e pugni e colpito alla testa con un arnese di ferro, forse una chiave inglese o una spranga, da almeno venti persone. Un vero e proprio branco che si sarebbe accanito contro di lui senza pietà e con una ferocia da brivido.

La procura della Repubblica procederà con l'apertura un fascicolo per omicidio. Da questo pomeriggio più di venti persone sono nella caserma del comando dei Carabinieri di Alatri. Il cerchio si stringe intorno a nove uomini.

FROSINONE, LE CONDOGLIANZE DEL PRESIDENTE POMPEO PER LA MORTE VIOLENTA DEL GIOVANE EMANUELE

"L'omicidio di Alatri pervade il nostro animo di tristezza e al contempo ci inquieta profondamente. Emanuele, così giovane, gli
aggressori di un'età probabilmente non molto distante da quella della vittima, il motivo di tanta violenza così futile rendono questo fatto
di sangue oltremodo intollerabile. Esprimo le condoglianze più sentite alla famiglia della giovane vittima e la vicinanza della cittadinanza
della Provincia di Frosinone che mi onoro di rappresentare.

Al contempo sono certo che gli autori del gesto omicida verranno immediatamente consegnati alla giustizia e che la vicenda, ma anche il
contesto nel quale è accaduto questo gravissimo fatto di violenza, siano analizzati in ogni dettaglio".