menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arpino, l’OSCAD arriva nella terra di Cicerone: ti amo da vivere educazione ai sentimenti e violenza contro le donne

Si è svolto questa mattina presso Palazzo Boncompagni ad Arpino il convegno “ Ti amo  da vivere” “ Educazione ai sentimenti e violenza contro le donne” organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Arpino.

Si è svolto questa mattina presso Palazzo Boncompagni ad Arpino il convegno " Ti amo da vivere" " Educazione ai sentimenti e violenza contro le donne" organizzato dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Arpino.

I lavori del consesso sono stati aperti dall'Avv. Renato Rea, Sindaco della storica città di Arpino che diede i natali ad illustri personaggi: Caio Mario, Cicerone e Giuseppe Cesari, il Cavaliere di Arpino.

Sono intervenuti numerosi relatori appartenenti alle Istituzioni locali, alle Forze dell'Ordine ed all'Associazione SOS Donna che hanno fornito utili informazioni sulle attività poste in essere, ciascuno nell'ambito delle specifiche competenze, per contrastare la violenza di genere ribadendo l'importanza dell'impegno di squadra e dei progetti in sinergia per garantire sicurezza e tutelare le vittime vulnerabili.

Al convegno ha partecipato il Sostituto Commissario della Polizia di Stato Nanni Gioia della Direzione Centrale Polizia Criminale che ha illustrato i compiti dell'OSCAD, Osservatorio per la Sicurezza contro gli Atti Discriminatori, istituito presso il Dipartimento della P.S. e presieduto dal Direttore Centrale della Polizia Criminale, Prefetto Fulvio Della Rocca.

L'OSCAD, che è un organismo interforze di cui fa parte la Polizia di Stato e l'Arma dei Carabinieri, è stato istituito nel 2010 ed è fortemente impegnato sul territorio con progetti mirati rivolti agli addetti ai lavori ed ai giovani studenti per promuovere la cultura della legalità ed il contrasto ad ogni forma di discriminazione e di violenza.

Tra gli obiettivi prioritari dell'Osservatorio c'è quello di agevolare le denunce di atti discriminatori che costituiscono reato in modo da superare il fenomeno dell'under reporting e favorire l'emersione dei reati a sfondo discriminatorio.

Inoltre, la Questura di Frosinone è intervenuta con il contributo della Dott.ssa Cristina Pagliarosi, Direttore Tecnico Capo Psicologo della Polizia di Stato, che ha illustrato gli effetti generati nelle relazioni affettive dalla confusione tra elementi maltrattanti ed aspetti accudenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento