Nord CiociariaToday

Atina, arrestato 41enne di Picinisco per lesioni e minacce

Atina, i militari della Stazione Carabinieri di Picinisco, coadiuvati da quelli dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Cassino, traevano in arresto nella flagranza di reato un 41enne del luogo, già censito, per “resistenza, violenza...

Atina, i militari della Stazione Carabinieri di Picinisco, coadiuvati da quelli dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Cassino, traevano in arresto nella flagranza di reato un 41enne del luogo, già censito, per “resistenza, violenza, minaccia e lesioni a P.U.”,” danneggiamento aggravato” e ”rifiuto di fornire le proprie generalità”.

Gli operanti, giunti presso la suddetta località per una segnalata lite dovuta a problemi di viabilità, cercavano di calmare gli astanti, alchè il predetto, con toni aggressivi, in presenza dei militi ingiuriava la controparte. Allorquando gli operanti invitavano l’uomo a calmarsi e fornire le proprie generalità, lo stesso dapprima si rifiutava cercando di allontanarsi, poi li aggrediva colpendoli con calci e gomitate, danneggiando altresì l’autovettura di servizio.

Stante quanto sopra, il prevenuto veniva tratto in arresto in regime dei domiciliari, in attesa del rito direttissimo, mentre due dei militari intervenuti dovevano far ricorso alle cure dei sanitari.

Nella mattinata odierna, il Giudice convalidava l’arresto operato dalla P.G. e condannava l’arrestato ad una pena di mesi otto di reclusione (pena sospesa).

SORA, RIMPATRIATA UNA COPPIA DI CITTADINI BOSNIACI

Nel pomeriggio di ieri, in Isola del Liri, personale della locale Stazione Carabinieri, nel corso di un predisposto servizio per il controllo del territorio, teso a prevenire e reprimere i reati predatori, identificavano una coppia di cittadini bosniaci, già censiti, mentre si aggiravano con fare sospetto e senza giustificato motivo in prossimità di obiettivi sensibili.

Ricorrendone i presupposti, nei confronti dei due veniva inoltrata proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, con divieto di ritorno nel suddetto Comune per anni tre.

ROCCASECCA, DENUNCIATO UN 49ENNE PER PERCOSSE E MINACCE NINCHE OMESSA CUSTODIA DELLE ARMI

A Roccasecca, i militari della locale Stazione Carabinieri, a seguito di una denuncia - querela formalizzata da una persona del luogo, scaturita da controversie inerenti confini terrieri, deferivano in stato di libertà un 49enne e l’anziano padre, per i reati di percosse, minaccia ed omessa custodia di armi.

Nel medesimo contesto, gli operanti sottoponevano a sequestro una carabina ad aria compressa ed un fucile da caccia di proprietà dei due congiunti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento