Nord CiociariaToday

Castrocielo, capodacqua il consorzio valle del liri pronto a risolvere la problematica dell’approvvigionamento idrico

Il commissario chiede alla regione di farsi carico delle spese dell’intervento.  de lipsis: “facciamo quello che altri avrebbero dovuto fare già cinque anni fa”

rdl

Il commissario chiede alla regione di farsi carico delle spese dell’intervento. de lipsis: “facciamo quello che altri avrebbero dovuto fare già cinque anni fa”

Apprezzo la passione e l’ardore del sindaco di Castrocielo nella difesa delle attività produttive agricole del suo comune. Voglio rassicurarlo. La sua premura è anche la mia. Ho così a cuore l’interesse dei consorziati che, pur essendo alla guida del Valle del Liri da appena quattro mesi, mi sono immediatamente attivato – come il sindaco sa, avendo partecipato al tavolo che ho convocato il mese scorso per un primo confronto sull’emergenza – per tentare di risolvere una criticità che altri, prima di me, avrebbero dovuto risolvere. Mi risulta infatti che la problematica della siccità della sorgente di Capodacqua sia una costante ciclica che già altre volte, anche nel recente passato, si è presentata, ma che nessuno – al di là delle mere promesse verbali- si è finora premurato di affrontare in termini seri. Io, invece, non intendo affatto ignorarla e così ho scritto una lettera alla Direzione regionale risorse idriche e difesa del suolo per chiedere che la Regione Lazio si faccia carico – rinunciando a una parte del credito che vanta nei confronti del Valle del Liri – del costo finanziario dell’intervento tecnico che risolverà alla radice, per ora e in futuro, la criticità delle ripetute crisi idriche di Capodacqua. Invero, come è emerso da una serie di sopralluoghi tecnici che ho disposto al fine di ben comprendere il problema e risolverlo positivamente, per sopperire al calo di portata del laghetto e garantire acqua per uso irriguo agli imprenditori agricoli di Castrocielo e Aquino è necessario attingere da località Piumarola, frazione di Villa Santa Lucia. Perché ciò sia possibile occorre sostituire le attuali elettropompe che pescano l’acqua perché quelle oggi in dotazione, acquistate da chi amministrava il consorzio cinque anni fa, non hanno la potenza necessaria per far arrivare l’acqua a Castrocielo con la pressione adeguata a garantire l’ottimale irrigazione dei campi. Una sostituzione che costa circa 98.000 euro. Trattandosi di un intervento di manutenzione straordinaria dovrà essere la Regione Lazio, titolare della rete, ad accollarsi gli oneri finanziari dell’acquisto e posa in opera delle nuove e più potenti elettropompe. Che inspiegabilmente nessuno, finora, si era preoccupato di richiedere e installare. Rassicuro, quindi, il sindaco di Castrocielo che – all’esito del riscontro favorevole della nostra istanza, già caldeggiata in Regione in termini di urgenza e di importanza – il consorzio di bonifica Valle del Liri procederà tempestivamente all’intervento di manutenzione straordinaria per garantire il servizio di irrigazione anche ai consorziati serviti dall’impianto di Capodacqua.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento